115 Views

10 Luglio 2024
PICCOLI COMUNI: NOVE TIPICITA’ SU DIECI NASCONO NEI COMUNI CON MENO DI 5 MILA ABITANTI

I piccoli comuni sono lo scrigno delle tipicità regionali e contribuiscono in maniera determinante al successo del Made in Tuscany e del turismo rurale con oltre 5 milioni di presenze nelle campagna e nei borghi nel 2022. Nove prodotti agroalimentari a indicazione geografica DOP/IGP su dieci nascono nei comuni toscani con meno di 5 mila abitanti che, grazie alla presenza delle aziende agricole, combattono contro lo spopolamento e l’abbandono di borghi e aree interne. Un patrimonio non solo di eccellenze enogastronomiche, ma di biodiversità, tradizioni e identità che nei 119 piccoli comuni della Toscana, vengono gelosamente custodite e trasferite alle nuove generazioni per mezzo della cultura contadina. A dirlo è Coldiretti Toscana sulla base del rapporto “Piccoli Comuni e Tipicità” elaborato da Coldiretti-Fondazione Symbola che ci restituisce il quadro aggiornato di una dimensione produttiva estesa e radicata che traduce in valore la diversità culturale.

“28 produzioni certificate su 32 vengono coltivate e prodotte all’interno dei confini geografici di uno o più piccoli comuni della nostra magnifica regione. – spiega Letizia Cesani, Presidente Coldiretti Toscana – L’agricoltura e l’agroalimentare sono motori economici potenti che stanno riportando vita e speranza nelle comunità rurali. Fondamentale, per il rilancio di borghi e paesi, è il ruolo dei nostri agricoltori e dei nostri allevatori attorno ai quali ruotano le comunità locali. Le imprese agricole hanno saputo creare, tra mille difficoltà, le condizioni per valorizzare il territorio, le sue produzioni e la sua storia trasformando luoghi lontani, anche fisicamente, in luoghi attrattivi partendo proprio dal cibo che è diventata la prima voce del budget delle vacanze di italiani e stranieri”.

Dal fotografia del Coldiretti/Symbola emergono altri interessanti aspetti del quadro regionale: nei 119 comuni con meno di cinque mila abitanti su 273 totali (43,6%), che si estendono per poco meno di 9 mila chilometri quadrati, vivono poco meno di 217 mila abitanti, il 7,4% della popolazione regionale. Sono invece 29 mila le imprese attive nei piccoli comuni, una su tre è agricola rappresentando la prima “forza” produttiva davanti alla manifattura.

“Per salvaguardare questa ricchezza, è necessario creare le condizioni affinché la popolazione residente e le attività economiche possano rimanere. – conclude la presidente di Coldiretti Toscana, Letizia Cesani - Negli ultimi dati ISTAT sulla popolazione italiana, si è registrata la perdita di oltre 35 mila residenti nei borghi in un anno e nel caso specifico della Toscana, nonostante gli sforzi, si prevede che i residenti caleranno dal 7,4% al 7% nel 2042. È fondamentale contrastare lo spopolamento, che aggrava anche la situazione di isolamento delle aziende agricole e aumenta la tendenza allo smantellamento dei servizi, dei presidi e delle forze di sicurezza presenti sul territorio. In questo senso sono apprezzabili gli sforzi e le risorse della commissione aree interne della Regione Toscana per rilanciare questi territori attraverso le imprese che sono l’unico antidoto all’oblio di pezzi della nostra storia.”

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi