302 Views

2 Marzo 2023
CINGHIALI: FIRENZE, BRANCHI NEL PARCO GIOCHI SORGANE SEGNANO GRAVITA’ EMERGENZA

I branchi di cinghiali si spingono sempre più vicini ad abitazioni e scuole, fino ai parchi, distruggono i raccolti e rappresentano una seria e costante minaccia per le comunità e per la sicurezza stradale con la Toscana che ha il tragico primato per morti (3) ed incidenti stradali (20) causati dagli ungulati nel 2022. Il caso del parco per bambini di via Brenta, a Sorgane, nel Comune di Firenze, dove è stato vietato l’accesso a causa della presenza di quattro esemplari di cinghiali, è solo la punta dell’iceberg di una emergenza che non riguarda più soltanto il mondo agricolo ma tutta la comunità. A dirlo è Coldiretti Toscana commentano l’ennesimo preoccupante avvistamento di un gruppo di esemplari di cinghiali nelle città della regione. “La situazione è fuori controllo da un bel pezzo ormai ed è peggiorata con la siccità che fa seccare i raccolti e asciuga i torrenti spingendo i branchi sempre più verso i centri urbani a caccia di cibo e di acqua. – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana - I bassi livelli dei fiumi permettono agli animali di attraversarli con più facilità aumentandone le possibilità di spostarsi da un territorio all’altro, tanto che i cinghiali sono capaci di percorrere fino a 40 chilometri alla volta”.

In Toscana, secondo una stima di Coldiretti, sono 300 i cinghiali che hanno provocato l’80% dei danni complessivi da ungulati per un valore nel solo 2021 di oltre 1,4 milioni di euro. L’invasione di vie e piazze da parte dei selvatici viene vissuta dai cittadini come una vera e propria emergenza, tanto che oltre otto toscani su 10 (81%) – secondo l’indagine Coldiretti/Ixè – pensano che vada affrontata con il ricorso agli abbattimenti, soprattutto incaricando personale specializzato per ridurne il numero anche perché un italiano adulto su quattro (26%) si è trovato faccia a faccia con questi animali. Il 69% degli cittadini ritiene che i cinghiali siano troppo numerosi mentre c’è addirittura un 58% che li considera una vera e propria minaccia per la popolazione, oltre che un serio problema per le coltivazioni e per l’equilibrio ambientale come pensa il 75% degli intervistati. Il risultato è che oltre sei italiani su 10 (62%) ne hanno una reale paura e quasi la metà (48%) non prenderebbe addirittura casa in una zona infestata dai cinghiali.

In Toscana, su sollecitazione della Federazione regionale, è stata modificata dalla Regione Toscana la legge 310/2016, per consentire agli agricoltori-cacciatori di intervenire direttamente contro gli ungulati per proteggere i raccolti, dopo averne segnalato la presenza nei propri fondi. Ora anche il Governo nazionale si muove. “Quello che chiediamo – conclude il presidente di Coldiretti, Fabrizio Filippi - è un decreto legge urgentissimo per modificare l’articolo 19 della Legge 157 del 1992 che consenta di estendere i piani di controllo coordinati dalla Regioni ed arrivare così ad un contenimento drastico per contenere un fenomeno che non riguarda sol più e soltanto gli agricoltori ma tutta la collettività”.

FOTO TRATTA DAL SITO CITTA' DELLA SPEZIA

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi