5 Marzo 2020
AGRICOLTURA: COLDIRETTI TOSCANA, BUROCRAZIA SPEGNE SOGNO DI 2 GIOVANI SU 3

Una stretta contro la burocrazia matrigna che spegne il sogno di migliaia di giovani che vogliono lavorare in campagna, il moltiplicarsi dei cinghiali e la necessaria strategia di promozione del sistema agroalimentare toscano sono stati i temi al centro dell’incontro tra il presidente di Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi, accompagnato dal direttore regionale Angelo Corsetti, con l’assessore regionale all’Agricoltura, Marco Remaschi.

“La burocrazia in Toscana ha spento il sogno di quasi 2 giovani toscani su 3 che hanno presentato domanda per l’insediamento in agricoltura con progetti imprenditoriali proprio per quanto riguarda le domande presentate e ammesse a finanziamento solo il 23% è stato effettivamente pagato, con le conseguenti difficoltà per chi ha già effettuato gli investimenti e rischia ora di trovarsi “scoperto” dal punto di vista finanziario. Il risultato è la perdita di un potenziale di mezzo miliardo all’anno di valore aggiunto che le giovani imprese avrebbero potuto sviluppare”, ha stigmatizzato il presidente Filippi.

“Siamo di fronte ad un vero spread per la competitività delle imprese toscane – ha insistito Filippi - che va recuperato con la semplificazione e la sussidiarietà. Lo snellimento delle procedure con la semplificazione, il dialogo tra le amministrazioni e l’informatizzazione è insieme alla trasparenza dell’informazione ai consumatori il miglior investimento che può fare il Paese per sostenere la crescita”.

Il successo del Made in Toscana va sostenuto e incentivato “attraverso un piano di promozione regionale che si avvalga – ha aggiunto il presidente Filippi - di una strategia condivisa e lungimirante che dia una battuta d’arresto ai prezzi dei prodotti agroalimentari di qualità da anni in caduta libera”.

Sul tavolo di discussione anche l’annosa vertenza della fauna selvatica, con gli ungulati più che raddoppiati negli ultimi dieci anni – ricorda Coldiretti Toscana -  con una stima dei danni in campagna che supera i 4,5 milioni di euro.

“Negli ultimi anni le popolazioni di cinghiali hanno guadagnato terreno rispetto alla presenza umana – ha tenuto a ribadire il presidente Filippi – mettendo a rischio il patrimonio agroalimentare e zootecnico conservato nel tempo dalle oltre 40mila imprese agricole con un impegno quotidiano per assicurare la salvaguardia delle colture agricole storiche, la tutela del territorio dal dissesto idrogeologico e il mantenimento delle tradizioni alimentari. Un tesoro messo a rischio dall’avanzata dei cinghiali che sempre più spesso in queste aree si spingono fin dentro i cortili e sugli usci delle case, scorrazzando per le vie dei paesi o sui campi, nelle stalle e nelle aziende agricole”, ha concluso il presidente Filippi.

 

LA MAPPA DEI FONDI PERDUTI

 

REGIONE DOMANDE BOCCIATE

SU PRESENTATE (%)

DOMANDE PAGATE SU AMMESSE (%)
TOSCANA 63 23
ITALIA 55 55

Fonte: Elaborazione Coldiretti al 1° gennaio 2020

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi