64 Views

13 Novembre 2009
AGRI@TOUR: TERRANOSTRA, NON C’E’ AGRITURISMO SENZA AGRICOLTURA

La differenza balza all’occhio immediatamente. Da un lato, c’è la campagna coltivata. E, dunque, l’agricoltore che con il suo lavoro quotidiano contribuisce a modellare il paesaggio e a difendere l’ambiente, a evitare lo spopolamento dei territori, a mettere a disposizione dei consumatori prodotti e servizi. Dall’altra, un ambiente rurale abbandonato a se stesso, dove trionfano incuria  e degrado. L’assenza dell’impresa agricola crea una sorta di “deserto”, uno spazio svuotato di persone, tradizioni, benessere, vita.
I due ambienti a confronto sono il graffiante messaggio scelto da Terranostra, l’associazione agrituristica di Coldiretti, per rappresentare ad Agri@tour 2009, l’importanza dell’attività agricola, la base su cui poggia, nasce e si sviluppa l’agriturismo, in Italia.
“Abbiamo scelto un allestimento ad effetto – spiega il presidente nazionale Tulio Marcelli – per ribadire la vera autentica natura dell’azienda agrituristica, la cui peculiarità sta proprio nella sua “origine” agricola. Vogliamo ricordare ai consumatori che questa è la vera e unica caratteristica distintiva. Che la differenzia da tutte le forme di ospitalità collocate in un generico ambiente rurale. L’agriturismo infatti è prima di tutto un’azienda agricola viva e vitale, che lavora e produce”.
Per ribadire con forza la peculiarità dell’agriturismo, inquinata spesso da messaggi fuorvianti e da malcelati tentativi di imitazione che rischiano di dare un’immagine falsa del settore, Terranostra punta dunque su un allestimento che non passerà inosservato.
“Ci vuole coraggio, in una fiera, dove si tende a mettere in vetrina solo l’aspetto bello e patinato delle cose – dice il presidente Marcelli –, ad esporre qualcosa di negativo. Noi abbiamo scelto di farlo per offrire al consumatore informazioni chiare e trasparenti, indispensabili per fare scelte consapevoli. Come Coldiretti, da anni, è impegnata a rendere evidenti le informazioni sull’origine dei prodotti in etichetta, così Terranostra si batte per spiegare all’ospite cosa deve pretendere da un vero agriturismo”.
Un messaggio efficace quello lanciato dall’associazione agrituristica più rappresentativa, un messaggio che i visitatori di Agri@tour non potranno con cogliere.
“Solo se c’è attività agricola può esserci agriturismo”, ribadisce Marcelli. “Questo è il comune denominatore che unifica tutte le aziende presenti in Italia. In più, negli agriturismi di Terranostra, gli ospiti trovano anche il rispetto di un codice di comportamento che viene ben riassunto nella “carta dell’accoglienza” messa a punto dall’associazione: in parole povere, una garanzia in più per chi sceglie di trascorrere una vacanza nell’azienda agrituristica”.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi