451 Views

4 Gennaio 2023
BRAND TERRITORIALI: SIENA E GROSSETO NELLA TOP TEN PER CERTIFICAZIONI SPINGONO REGIONE AI VERTICI NAZIONALI

Siena (114) e Grosseto (81) nella top ten delle province italiane con il maggior numero di riconoscimenti che valorizzano e pubblicizzano le risorse naturali, gastronomiche, storiche, culturali e turistiche nelle aree dei disciplinari IG. Siena, al terzo posto, e Grosseto, al nono posto, spingono la Toscana ai vertici nazionali con 300 riconoscimenti tra presidi Slow Food, Città del Vino, Città dell’Olio, paesaggi rurali, siti patrimonio Unesco, Parchi Nazionali ed altri. A dirlo è Coldiretti Toscana sulla base dei dati dell’Osservatorio degli indicatori territoriali di qualità e sostenibilità. “Le produzioni di qualità, certificate, insieme alle tante certificazioni e ai presidi agroalimentari rappresentano un antidoto allo spopolamento di molte aree marginali perché in grado di creare opportunità per i giovani, connettere le realtà presenti e richiamare flussi turistici. – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana – Ed è proprio in queste aree dove la multifunzionalità delle aziende agricole genera valore per le comunità, rappresenta un antidoto all’abbandono delle campagne e dove la ricettività agrituristica si è maggiormente sviluppata anche come diretta conseguenza dell’enorme patrimonio di biodiversità che i brand territoriali e le produzioni di qualità, le IG, valorizzano ed esaltano. E’ infatti forte la connessione e la relazione tra la presenza delle certificazioni e quella turistico ricettiva”.

La Toscana detiene da sola il 10% del totale dei riconoscimenti nazionali che sono 2.745 (di più ne ha solo la Lombardia): 100 promuovono le tematiche ambientali e la natura, 144 quelle gastronomiche e turistiche e 56 le tematiche culturali, storiche e paesaggistiche. Sono diversi i primati: la Toscana ha il maggior numero di Strade del Vino, olio e sapori d’Italia (21), Strade dell’Olio (51), paesaggi rurali (6), riserve statali (35), Oasi del WWF (15). Ma ha anche 41 riconoscimenti per le Città del Vino, 20 presidi Slow Food, 11 per le città del Bio, 38 Bandiere Arancioni, 4 siti Fai, 8 siti Unesco, 3 parchi nazionali, 3 parchi regionali, 44 riserve regionali e 68 aree protette. A beneficiare della straordinaria ricchezza di brand territoriali è senza dubbio il turismo rurale che ha visto, nel corso degli anni, esplodere l’ospitalità agrituristica con 5.380 strutture ed un altro primato: in 6 dei 10 comuni italiani con almeno 100 agriturismi 6 si trovano proprio in Toscana. 1 milione invece sono gli ospiti delle strutture: quasi un terzo del totale nazionale richiamando soprattutto turisti stranieri.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi