5 Agosto 2022
SICCITA’: CENSITI 16 MILA PICCOLI INVASI AZIENDALI IN TOSCANA

Sono oltre 16 mila i piccoli invasi censiti in Toscana che potrebbero garantire una preziosa riserva di acqua di 440 mmc alle aziende agricole. Si tratta di piccoli specchi d’acqua che a causa principalmente della burocrazia e delle difficoltà di gestione sono stati chiusi o non sono più utilizzati dalle imprese agricole. A rivelarlo è Coldiretti Toscana sulla base di una relazione del Lamma che stima in 16.248 il numero di invasi su una superficie di circa 7 mila ettari distribuita su tutto il territorio regionale. La stima è stata realizzata attraverso il metodo della fotointerpretazione. “Abbiamo consegnato al presidente Giani – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana – una serie di proposte di modifica alla legge 64/2009 e alla gestione delle rocce e delle terre da scavo per semplificare quelle procedure che potrebbero mettere in condizioni almeno una parte delle aziende agricole di sfruttare gli invasi censiti già esistenti dando così una risposta immediata per garantire l’acqua alle coltivazioni quando c’è bisogno ma anche per contrastare gli incendi”.

Coldiretti Toscana ai fini invece della realizzazione degli invasi consortili ha proposto, in occasione del tavolo tecnico regionale, di ripensare la legge regionale rivendendo le disposizioni per l’approvazione dei progetti ed il rilascio dell’autorizzazione alla costruzione, con relativo rilascio di concessione di derivazione. Ed ancora l’istituzione di una cabina di regia e della conferenza dei servizi decisoria di 90 giorni per il rilascio delle autorizzazioni, concessioni, pareri e titoli.

“Diamo atto alla Regione Toscana di essere stata la prima regione in Italia ad avere approvato il fondo di rotazione da 1,2 milioni di euro per la progettazione delle opere consortili a fini irrigui ed essersi subito attivata, in prima persona con il Governatore Eugenio Giani, per una legge sullo stile del Ponte Morandi che semplifichi la realizzazione degli invasi consortili. Ci mettiamo a completa disposizione”.

Molto apprezzato il pragmatismo con cui la Regione Toscana intende affrontare alcune delle problematiche più ricorrenti che bloccano la realizzazione o l’utilizzo degli invasi aziendali analizzando caso per caso così come di affidare ai consorzi di bonifica la gestione di alcuni invasi ritenuti più strategici.

Quale è la tua principale preoccupazione in questo momento?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi