28 Giugno 2022
CASTANICOLTURA: SELVICOLTURA, SI APRE IL BANDO PER LA DIFESA E IL RIMBOSCHIMENTO DEI CASTAGNETI

E’ stato aperto il bando per incentivare interventi nei castagneti volti alla difesa e messa in sicurezza del suolo, al rinfoltimento, all’imboschimento e al rimboschimento.

Sono interventi da realizzarsi ad opera delle imprese agricole e forestali che favoriscono la tutela ambientale, la gestione del paesaggio e contrastano il dissesto idrogeologico nelle aree interne e marginali.

Il bando consentirà di realizzare, tra l’altro, le potature di risanamento delle chiome, finalizzate al recupero delle piante da frutto, il taglio di piante di castagno morte o deperienti e delle piante estranee al castagneto da frutto, nonché interventi di messa a dimora di nuove piante o l’esecuzione di innesti di polloni. Le risorse complessive messe a disposizione dal bando ammontano a 330mila euro e gli interventi possono coprire fino all’80 per cento delle spese ammesse con un minimo per progetto di 10.000 euro ed un massimo di 50.000 euro.

Possono essere realizzati da imprese agricole di cui all’articolo 2135 del Codice civile, singole o associate, e dalle imprese iscritte all’Albo regionale delle imprese agricolo-forestali di cui all’articolo 13, comma 2 della L.R. 39/2000.

Le domande dovranno essere presentate, attraverso il portale ARTEA, entro 60 giorni dalla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale di Regione Toscana.

Le risorse, messe a disposizione dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali sono state indirizzate, per scelta della Regione Toscana, in particolare al recupero dei castagneti da frutto, un settore che non ha trovato molta soddisfazione con le risorse del PSR, pur riconoscendo alla castanicoltura un ruolo importante non solo per gli aspetti produttivi ed economici, ma anche per quelli ambientali, paesaggistici, sociali, culturali e per la tutela della biodiversità agraria e forestale e per lo più legata alla dimensione colturale e tradizionale della montagna.

Fonte: TOSCANA NOTIZIE

Quale è la tua principale preoccupazione in questo momento?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi