142 Views

22 Gennaio 2024
CIBO: CORSETTI (DIRETTORE COLDIRETTI TOSCANA) AI MACELLAI, SVILUPPIAMO INSIEME PROGETTO PER PROMUOVERE CARNI TOSCANE. Il video

Promuovere le carni allevate in Toscana insieme ai macellai. E' l'input che ha lanciato il direttore di Coldiretti Toscana, Angelo Corsetti all'assemblea di Confcommercio che si è tenuta a Villa Corsini, Impruneta. Al convegno hanno partecipato anche il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il presidente di Federcarni Toscana Alberto Rossi, il presidente di Confcommercio Toscana Aldo Cursano e la dietista Barbara Lapini.

ASCOLTA L'INTERVENTO COMPLETO 

“Un progetto per valorizzare e promuovere le carni regionali a partire dalla Chianina per assicurare il giusto reddito alle imprese e agli allevamenti in quella che è la patria della Fiorentina candidata a patrimonio dell’Unesco”: è la proposta avanzata da Coldiretti Toscana in occasione dell’assemblea dei macellai di Confcommercio che si è tenuta a Villa Corsini ad Impruneta. A portare la proposta di Coldiretti Toscana è stato il direttore regionale, Angelo Corsetti che durante il tavolo con il presidente dei macellai, Alberto Rossi, il presidente di Confcommercio, Aldo Cursano, il sindaco di Firenze, Dario Nardella ed il Governatore, Eugenio Giani ha manifestato la necessità di “rafforzare l’interconnessione tra agricoltura e botteghe per arrivare a garantire filiera delle carni allevate in Toscana sia nelle macellerie che nella ristorazione” anche in vista del percorso Unesco “attraverso un progetto sulla promozione, che non sia solo uno slogan, intercettando le risorse del Piano di Sviluppo Rurale”.

In Toscana sono circa 13 mila gli imprese zootecniche che allevano 2,8 milioni di animali di cui 91.931 bovini, 961 bufalini, 19.107 caprini, 357.341 ovini, 108.045 suini, 8.913 equini, 123.590 conigli, 67 struzzi e 2.082.045 di polli secondo l’ultimo rapporto Istat. Il settore dell’allevamento zootecnico ha prodotto, nel 2022, poco meno di 500 milioni di euro di valore alla produzione.

“La valorizzazione della filiera corta e il rapporto tra chi produce e chi distribuisce prodotti agroalimentari sono importanti da molti punti di vista. – conclude il direttore di Confcommercio Toscana, Franco Marinoni - Condividiamo questi due obiettivi con gli amici di Coldiretti, ai quali ci accomunano battaglie rilevanti come quella contro la carne sintetica”.

Per quale motivo produci sprechi alimentari?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi