179 Views

11 Maggio 2023
CLIMA: GRANI, SEMINE PRIMAVERILI E PASCOLI SALVATI DALLA PIOGGIA, ACCELERARE SU RECUPERO INVASI AZIENDALI

La pioggia di primavera è manna per grano ed orzo, mais, riso, girasole, erbe mediche e pascoli. Le precipitazioni di queste settimane, abbondanti in molte aree della regione, fanno respirare l’agricoltura, rivitalizzano i pascoli, riempiono fiumi ed invasi in vista dell’estate e tengono a distanza lo spettro della siccità costata, lo scorso anno, 260 milioni di euro di danni alle imprese. A dirlo è Coldiretti Toscana sulla base di un monitoraggio tra le aziende agricole della regione. Dopo un inverno mite, il secondo tra i più caldi di sempre, caratterizzato da precipitazioni irregolari, spesso brevi e violente che avevano ritardato, in alcune aree del Sud della regione la semina esponendo i raccolti a notevoli rischi, ma anche da temperature primaverili che avevano fatto “sbocciare” in anticipo piante e fiori seguite da gelate, le piogge di primavera rilanciano la prossima annata agraria. “E’ stato un inverno difficile con poca neve, sciolta rapidamente dal caldo che ci ha catapultato nel mese di maggio quando eravamo in realtà a dicembre, dove non sono mancate fioriture anticipate, gelate tardive e grandinate. Per fortuna le precipitazioni abbondanti e regolari dell’ultimo periodo hanno aiutato soprattutto le semine tardive a riprendersi anche se, in alcune aree del Sud della Toscana, lo sviluppo non è stato omogeneo a causa della prolungata mancanza di acqua e del caldo anomalo.– spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana – Le aspettative per i prossimi raccolti sono in crescita. Il grano, sia duro che tenero, sta venendo su molto bene. E’ bello, rigoglioso, sano. Lo stesso vale per l’orzo e l’avena. Ma la pioggia salva anche le semine primaverili come il mais, la soia, il riso, il girasole e la raccolta delle foraggere fondamentali per l’alimentazione del bestiame. E’ però ancora presto per capire se queste piogge risolveranno l’insufficienza idrica che ci accompagna dallo scorso anno”.

Se le probabilità di una nuova estate di passione e siccità sono, allo stato attuale, speriamo più lontane, questo non significa rallentare nell’attuazione delle misure di mitigazione degli effetti della crisi climatica a cui sono esposte le produzioni agricole. Mitigazioni che passano dalla lotta agli sprechi di acqua ad aumentare la raccolta di acqua piovana di cui oggi tratteniamo appena l’11% fino agli investimenti sull’agricoltura di precisione e all’incremento delle superfici irrigabili che in Toscana sono appena il 14%. “Dobbiamo arrivare a salvare il 50% dell’acqua che cade dal cielo per metterla a disposizione delle colture agricole ma anche della comunità realizzando infrastrutture per lo stoccaggio come previsto dal nostro piano nazionale laghetti che abbiamo presentato insieme ad Anbi Nazionale. – spiega ancora il Presidente di Coldiretti Toscana – E per raggiungere questo obiettivo dobbiamo accelerare sul progetto di recupero dei migliaia di piccoli invasi censiti che la burocrazia ha svuotato in questi anni e che possono rappresentare una ipoteca sul futuro della nostra agricoltura e dei territori. Un obiettivo a cui sta lavorando il tavolo regionale voluto dal Governatore Giani di cui facciamo parte e la cabina di regia del Governo. Le aziende agricole, con il loro lavoro, garantiscono un contributo fondamentale non solo per la produzione di cibo ma anche per il turismo e l’immagine della Toscana nel mondo”.

Per quale motivo produci sprechi alimentari?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi