482 Views

7 Luglio 2023
COMMERCIO: 480 MILIONI IN PIU’ PER FARE LA SPESA NEI PRIMI CINQUE MESI 2023 MA CARRELLO SI SVUOTA (-4,7%)

L’inflazione continua a svuotare il carrello della spesa. Le famiglie toscane hanno speso mediamente 290 euro in più cinque mesi per mangiare ma hanno dovuto tagliare del 4,7% le quantità di prodotti alimentari acquistati a causa dei rincari. Grosseto è la provincia dove il peso dell’inflazione ha inciso di più sulle tasche dei nuclei famigliari che hanno sborsato 355 euro, 65 euro in più rispetto. Seguono Siena con 350 euro e Livorno con 332 euro. Sopra i 300 euro ci sono anche Massa Carrara e Pisa. È quanto emerge dall’analisi Coldiretti Toscana su dati Istat relativi al commercio al dettaglio a maggio che nei primi cinque mesi del 2023 fa registrare un aumento del 7,3% della spesa alimentare con un taglio degli acquisti in quantità del 4,7%. A condizionare lo scenario economico si è inserito anche l’andamento del meteo pazzo con il moltiplicarsi di eventi estremi, tra siccità e maltempo, che hanno colpito duramente le coltivazioni in campo riducendone la disponibilità.

Considerando l’incremento medio dei prezzi dei generi alimentari e delle bevande analcoliche da gennaio a maggio dell’anno in corso i nuclei famigliari della nostra regione hanno dovuto sborsare complessivamente quasi 480 milioni di euro in più per mettere nel carrello pane, pasta, frutta, verdura, acqua e gli altri beni di prima necessità. Il tutto in un contesto in cui una famiglia toscana su dieci arriva con grande difficoltà alla fine del mese mentre quasi 5 su 10 ritengono che la propria situazione economica sia peggiorata nel 2022 secondo l’ultimo rapporto sulla povertà regionale.

La situazione di difficoltà è resa evidente dal fatto che – sottolinea Coldiretti Toscana – volano gli acquisti di cibo low cost con i discount alimentari che fanno segnare un balzo del +9,5% nei primi cinque mesi nelle vendite in valore, il più elevato tra gli scaffali del dettaglio. Il risultato dei discount – precisa Coldiretti Toscana – evidenzia la difficoltà in cui si trovano le famiglie italiane che, spinte dai rincari, orientano le proprie spese su canali a basso prezzo rinunciando anche alla qualità. Le famiglie – sottolinea Coldiretti Toscana – tagliano gli acquisti e vanno a caccia dei prezzi più bassi anche facendo lo slalom nel punto vendita, cambiando negozio, supermercato o discount alla ricerca di promozioni per i diversi prodotti.

Una soluzione per mettersi al riparo dalle turbolenze dei prezzi è quello di fare la spesa direttamente dagli agricoltori di Campagna Amica per eliminare ogni passaggio intermedio e quindi ogni “balzello” che fa lievitare il prezzo finale. Nei mercati contadini o nelle fattorie è possibile infatti acquistare prodotti di qualità, freschissimi e di stagione ad un prezzo giusto che salva le tasche dei consumatori e contemporaneamente quelle degli agricoltori stritolati tra aumenti dei costi di produzioni e speculazioni.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi