445 Views

3 Agosto 2023
COMMERCIO: + 5% ESPORTAZIONI, FRANCIA TRASCINA EUROZONA, KO MERCATI RUSSIA E UCRAINA

Vola il Made in Tuscany all’estero spinto dalle ottime performance dell’olio (+12,7%) e di frutta e verdura fresca e trasformata (+24%). Bene anche la pasta (+8%) ed il vino, che è il prodotto più commercializzato oltre i confini nazionali (+0,6%). Primo trimestre ancora da record per l’agroalimentare regionale che fa registrare un balzo del 5% per un valore complessivo di prodotti esportati che ha raggiunto 875 milioni di euro. A trascinare il paniere regionale sono soprattutto la Francia per l’Eurozona (+17%) e gli Stati Uniti (+11%). A dirlo è Coldiretti Toscana sulla base dei dati Istat sulle esportazioni nel periodo gennaio – marzo 2023. “Il nostro Made in Tuscany continua a mostrare una straordinaria resilienza di fronte alle tensioni internazionali che hanno contagiato i mercati e al perdurare dell’inflazione cha sta interessando tutte le principali economie ed i paesi con cui abbiamo relazioni commerciali stabili. – spiega Letizia Cesani, Presidente Coldiretti Toscana – Il 2022 è stato l’anno migliore di sempre per le esportazioni che hanno superato i 3,3 miliardi di euro: un trend positivo, in forte salita, che si consolida anche nella prima parte dell’anno. Merito dei valori di qualità, sicurezza alimentare, trasparenza, identità e legame profondo con il territorio, il paesaggio e la storia che la nostra agricoltura ha saputo preservare, coltivare, valorizzare e modernizzare anche nell’approccio commerciale internazionale. Quando un consumatore tedesco, americano o cinese pensa al nostro vino, al nostro olio, ai nostri salumi pensa ai valori dei nostri agricoltori e alla Dieta Mediterranea”.

E’ l’Europa, la vecchia Europa, il principale mercato per il paniere agroalimentare toscano con 562 milioni di euro complessivi (+5%) dove a spiccare questa volta è la Francia con 111 milioni di euro mentre “arrancano” Germania che è storicamente il primo “consumatore” dei nostri prodotti con 123 milioni di euro, in decelerazione del 7% ed il Regno Unito (-15%) con 50 milioni di euro. Salgono Svizzera (+5%) e Grecia (+18%). Si consolida il ruolo di primo piano degli Stati Uniti con quasi 200 milioni di esportazioni (+11%). Male invece il Canada (-19%) e la Cina (-37%). In caduta libera i flussi commerciali verso la Russia e l’Ucraina (-76%). I due mercati valevano, prima del conflitto, 30 milioni di euro. Oggi insieme acquistano poco più di 7 milioni di euro di prodotti agricoli regionali.

Ma c’è anche il rovescio della medaglia. Il successo all’estero del nostro agroalimentare ha creato una economia parallela. La Toscana è il brand agroalimentare più famoso e ricco con un patrimonio di 463 specialità alimentari tradizionali e 93 prodotti a denominazione di origine e proprio questo anche il più imitato, taroccato ed evocato. Il falso Made in Tuscany nel mondo vale oltre 6 miliardi di euro. Più del doppio del valore delle esportazioni di cibo, olio e vino regionali venduti al di fuori del nostro Paese.

Tra i maggiori taroccatori del Made in Italy ci sono paradossalmente i paesi ricchi, a partire proprio dagli Stati Uniti dove si stima che il valore dell’italiano sounding abbia raggiunto i 40 miliardi di euro. Basti pensare che il 90% dei formaggi di tipo italiano in Usa – sottolinea Coldiretti  Toscana – sono in realtà realizzati in Wisconsin, California e New York o in Canada. Ma l’industria del falso dilaga anche in Russia – rileva Coldiretti Toscana – per effetto delle sanzioni per l’occupazione dell’Ucraina che hanno portato Putin a decidere l’embargo sui prodotti agroalimentari occidentali e a potenziare l’industria alimentare locale con la produzione di cibi tarocchi che hanno preso il posto sugli scaffali delle specialità italiane originali.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi