29 Aprile 2022
COVID: COLDIRETTI TOSCANA, 70% D’ACCORDO CON LINEA PRUDENZA MA QUASI UNO SU TRE VUOLE ABOLIRE TUTTE LE MISURE

Quasi uno su tre (30%) vorrebbe l’abolizione tutte le misure di restrizione a partire dal 1 maggio. Via quindi non solo green pass ma anche mascherine senza alcuna ulteriore limitazione. A rilevarlo è un sondaggio online di Coldiretti Toscana condotto prima del nuovo decreto del Governo sul sito https://www.toscana.coldiretti.it che ha però evidenziato come tra la maggior parte di coloro che hanno risposto, circa il 70%, prevalga una linea più prudenziale in linea con le decisioni assunte dal Governo in queste ore. Il 42% è infatti favorevole a mantenere l’uso della mascherina nei luoghi al chiuso come teatri e cinema e sui mezzi pubblici; c’è poi un 12% che preferirebbe procedere gradualmente, senza fretta, all’allentamento delle misure di restrizione sulla base dell’andamento dei contagi.  Il 16% continuerà ad indossare i dispostivi di protezione anche se non dovesse essere più obbligatorio farlo dal 1 maggio per proteggersi dai rischi di una ripresa dei contagi. “L’andamento ancora altalenante del numero dei contagi e delle reinfezioni ma anche l’abitudine ed il senso di protezione spingono la maggioranza ad agire con cautela. – analizza Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana – Le misure di prevenzione hanno fortemente condizionato la vita di tutti noi e delle attività economiche; mano a mano che sono state allentate, prima con lo stop al tampone per i viaggiatori Ue con Green Pass, poi con la cessazione dello stato di emergenza nazionale lo scorso 1 aprile, siamo tornati progressivamente ad un clima di quasi normalità che ha permesso a settori chiave della nostra regione come quello del turismo di ripartire con un buono slancio e con prospettive molto interessanti per i prossimi mesi”.

E proprio il turismo è stato tra i comparti più penalizzati dalla lunga pandemia con 39 milioni di presenze tra italiani e stranieri nelle strutture ricettive di tutta la regione in meno sommando il 2019 ed il 2020 rispetto al dato pre-pandemia per una perdita di fatturato di almeno 4 miliardi di euro secondo una stima di Coldiretti sulla base dei dati Istat. Un contraccolpo che non ha risparmiato i 5.400 agriturismi della Toscana, regione leader a livello nazionale per il turismo rurale con 85 mila posti letto, con oltre 2 milioni di presenze in meno e l’indotto legato a piccoli borghi e centri minori nelle campagne. “Il ponte pasquale ha fatto intravedere un cambio di passo insieme ad una ritrovata fiducia che fa ben sperare per l’estate, anche se a pesare ora sono le incertezze legate alle conseguenze della guerra in Ucraina, dell’inflazione e dello tsunami di rincari che si sono abbattuti sulle famiglie” conclude il Presidente Filippi.

Per risparmiare acqua quali di questi accorgimenti metti in pratica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi