40 Views

6 Agosto 2009
CRISI: BENE ALLA MORATORIA

Contro la crisi che attanaglia le imprese agricole,  Coldiretti sta lavorando, a tutti i livelli, per trovare strumenti di sostegno adeguati.
A livello toscano, sostiene  il percorso di garanzia al credito innescato dalla Regione con l’apposito provvedimento anti-crisi e attuato da Fidi Toscana, con cui il presidente Tulio Marcelli e il direttore Prisco Lucio Sorbo si sono incontrati di recente.
A livello nazionale con  l’”avviso comune” sottoscritto da qualche giorno con il Ministero e l’Associazione bancaria italiana per la moratoria sui prestiti alle aziende che, per il settore, mette in moto circa 37,5 miliardi di affidamenti di cui 24 a medio e lungo termine e il rimanente a breve:  soldi necessari per  sistemare le passività o per ottenere il riequilibrio finanziario che consentiranno al sistema produttivo di uscire dal tunnel dell’emergenza da cui è difficile riemergere senza il supporto delle banche.
Sospensione dei pagamenti delle rate in linea capitale dei finanziamenti a medio e lungo termine per un periodo massimo di 12 mesi, sospensione per 12 mesi dei pagamenti di canoni su leasing immobiliare e 6 mesi per leasing mobiliare, allungamento per 9 mesi delle scadenze debitorie a breve termine con riferimento su anticipazioni di crediti certi ed esigibili – rileva la Coldiretti - sono gli aspetti fondamentali dell’accordo che vede tra i primi beneficiari le piccole e medie imprese e che assicurerà continuità operativa alle aziende  in difficoltà a seguito della crisi economica e finanziaria o a quelle in posizione regolare con i pagamenti degli ammortamenti sui fidi bancari alla data del 30 settembre 2008 o infine a quelle che presentino rate in scadenza o rate scadute e non pagate (o pagate in parte) da non più di 6 mesi.  Il provvedimento  - conclude la Coldiretti – svolge dunque una importante funzione di sostegno in attesa che il miglioramento della situazione economica possa ricreare nuove opportunità di sviluppo per le imprese agricole.

Per quale motivo produci sprechi alimentari?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi