14 Settembre 2022
EXPORT: COLDIRETTI TOSCANA, CONTINUA CRESCITA ESPORTAZIONI MADE IN TUSCANY (+15%) MA CROLLANO MERCATI RUSSIA (-48%) E UCRAINA (-75%)

Nuovo record per l’agroalimentare toscano che continua a correre forte all’estero con una crescita del 15% tra aprile e giugno dell’anno in corso per un valore complessivo di 920 milioni di euro ma le tensioni internazionali e le sanzioni iniziano ad incidere sulle esportazioni di vino, olio ed altri prodotti in Russia ed Ucraina. A dirlo è Coldiretti Toscana sulla base dei dati Istat relativi alle esportazioni del secondo trimestre del 2022 con 124 milioni di euro in più di prodotti Made in Tuscany venduti al di fuori dei confini nazionali. “C’è fame di Toscana nel mondo. Il trend delle esportazioni continua a dimostrare una grandissima capacità di penetrazione dei nostri prodotti di qualità all’estero nonostante il quadro internazionale sempre più complicato e l’inflazione che sta mordendo tutti i paesi. – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana – E’ un segnale incoraggiante che deve farci riflettere sull’importanza strategica del nostro agroalimentare. Ma è anche un primato che è costantemente minacciato da fenomeni come le contraffazioni, l’agropirateria e l’italian sounding e che va difeso in maniera chiara e netta. Le aziende agricole sono il perno di questo primato che garantisce ricchezza, occupazione, tutela del paesaggio e della biodiversità, turismo rurale e promozione. L’agricoltura e l’agroalimentare devono tornare al centro dell’agenda politica di questo paese”.

A spingere le esportazioni all’estero è il mercato europeo con oltre 525 mila euro di prodotti commercializzati (+15%) con la Germania che da sola ha acquistato quasi un quarto del nostro agroalimentare (+24%) per un valore di 139 milioni di euro. Seguono la Francia (+18%) con 98,7 milioni di euro, la Svizzera (-1%) con 36,5 milioni di euro, Paesi Bassi (+1%) con 27 milioni di euro, la Spagna (+9%) con 17,5 milioni di euro e l’Austria (+17%) con 17 milioni di euro.

Molto bene i flussi verso gli Stati Uniti (+28%) con 250 milioni di euro, secondo mercato di riferimento per il nostro agroalimentare e Canada (+21%) con 51 milioni di euro. Segnali di rallentamento invece si evidenziano per il mercato australiano (-10%). Perde terreno nel secondo trimestre l’export verso il Regno Unito (-2%) con poco più di 60 milioni di euro anche se il dato semestrale chiude in positivo (+12%).

La guerra in Ucraina, le sanzioni nei confronti della Russia ed il blocco dei mercati cominciano a farsi sentire sulle esportazioni delle nostre eccellenze verso i due paesi coinvolti nel conflitto. Le esportazioni in Russia, che prima dell’invasione si erano attestate, in crescita, a circa 33 milioni di euro nel 2021, sono crollate del 48% nel secondo trimestre passando da 7,9 milioni a 4,1 milioni di euro mentre quelle verso Kiev addirittura del 75% scendendo sotto il milione di euro quando nel valeva circa 10 milioni alla fine dello scorso anno. Tra i prodotti più penalizzati dalle sanzioni Ue per la guerra in Ucraina sono quei prodotti la cui vendite supera il valore di 300 euro ad articolo come alcuni dei più pregiati vini toscani o il ricercatissimo tartufo mentre sono escluse la maggior parte dei vini, la birre e la stragrande maggioranza dei liquori venduti ad un importo più basso. Le esportazioni verso Russia ed Ucraina valgono complessivamente circa 40 milioni di euro (dato 2021), appena 1,5% dell’interno valore delle esportazioni regionali.

La domenica pranzi insieme ai nonni?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi