50 Views

5 Agosto 2009
Fuochi nei boschi, fino al 31 agosto è vietato accenderli

E’ scattato il primo luglio e resterà in vigore fino al 31 agosto il divieto di accendere fuochi, bruciare residui vegetali e compiere altre  operazioni che possano creare pericolo d’incendio nei boschi e in una fascia contigua di 200 metri. Chi non rispetta tale divieto rischia una multa che va da un minimo di 200 euro a un massimo di 2.066, nel caso in cui il fuoco venga acceso in un bosco che rientra nel territorio di uno dei 97 comuni a rischio particolarmente elevato, secondo il Regolamento forestale in vigore.
In questa fase in cui aumenta il rischio incendi in una regione la cui superficie boscata (oltre un milione di ettari) copre metà del territorio complessivo, il regolamento dà inoltre alle province la facoltà di proibire l’accensione di fuochi su tutto il territorio provinciale, anche aldilà della fascia di 200 metri.
Le norme dell’alto rischio vietano poi l’accensione di fuochi in caso di vento e prevedono che anche i fuochi accesi al di fuori della distanza minima di 200 metri dal bosco siano comunque spenti entro le ore 10 del mattino. In ogni caso è necessario accertarsi che i residui lasciati siano completamente spenti e non rischino di riattivarsi a causa del vento.
Alcune province hanno anticipato l’inizio del periodo ad alto rischio per gli incendi boschivi. In provincia di Lucca il divieto è in vigore su tutto il territorio provinciale già dal primo giugno, anche in considerazione dei numerosi episodi che si sono verificati nel mese di maggio, in particolare in Versilia. La Provincia di Livorno ha fatto scattare il divieto dal 22 giugno sull'intero territorio provinciale, mentre la Provincia di Pisa ha decretato l’alto rischio dal 20 giugno, ma solo per alcuni comuni considerati particolarmente a rischio, cioè Buti, Calci, San Giuliano Terme, Vecchiano e Vicopisano. Qui è vietata fino al 31 agosto  l’accensione di qualsiasi tipo di fuoco, anche oltre la fascia di 200 metri.
Il regolamento forestale prevede alcune deroghe come per i castagneti da frutto dove è consentito l’abbruciamento dei materiali provenienti da potatura e ripulitura degli stessi nel rispetto delle norme di prevenzione a condizione che nei periodi definiti a rischio, l’abbruciamento sia effettuato immediatamente dopo l’alba e terminato entro le ore nove del mattino.
In caso di avvistamento di incendi boschivi, occorre contattare il numero verde 800 425 425 attivo 24 ore su 24 tutto l’anno. Tale numero è integrato con il 1515 del Corpo forestale dello Stato e con il 115 dei Vigili del fuoco.

PER SCARICARE IL REGOLAMENTO FORESTALE CLICCA QUI

Per quale motivo produci sprechi alimentari?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi