16 Settembre 2021
G20: COLDIRETTI, GIA’ IN PIAZZA A FIRENZE I GIOVANI CONTADINI
No farmers, no party, Stop land grabbing e “Non rompeteci i meloni“ tra gli slogan
Per l’inizio del G20 sono già arrivati da tutta Italia i giovani contadini che si sono dati appuntamento in piazza Santa Croce a Firenze per l’avvio della protesta contro il furto e la distruzione di terra fertile. Sul posto tra trattori, balle di fieno, campanacci, vanghe e prodotti tipici anche il Presidente della Coldiretti Ettore Prandini e la delegata dei giovani Veronica Barbati. Le nuove generazioni – sottolinea la Coldiretti – rischiano di pagare più di altre il prezzo dei cambiamenti climatici, delle speculazioni sulla terra e del land grabbing ossia la corsa all’accaparramento di terre e produzioni agricole da parte dei Paesi piu’ ricchi favorito dalla pandemia Covid. Una situazione che ha acceso la protesta dei giovani agricoltori con cartelli sui quali si leggono appelli in italiano e in inglese: “No farmers no party”, “Non rompeteci i meloni”, “Mangia locale, pensa globale”, “Stop consumo di suolo”, “No land no food”, ma anche “Save the planet, eat local”, “farmers feed the planet”, “Dalla parte della terra….sempre!”, “Stop landgrabbing”, “Tenete i piedi per terra”, “Scendete dal pero” e anche un cartello con “Ne abbiamo le balle piene” con l’immagine di grandi balle di fieno. La manifestazione dei giovani agricoltori della Coldiretti apre il G20 con piazza Santa Croce a Firenze che per quattro giorni sarà il palcoscenico della mobilitazione con i protagonisti del cibo, tra innovazione e tradizione, nel rispetto dell’ambiente, della salute e del territorio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi