9 Marzo 2022
GIOVANI: BANCA DELLE TERRE AGRICOLE, 2 MILA ETTARI IN VENDITA IN TOSCANA

Banca delle Terre: 2.229 ettari di terreni di proprietà di Ismea in vendita in Toscana per continuare a spingere il ricambio generazionale, favorire l’occupazione e l’innovazione nelle campagne. Il 36%, 816 ettari, si trovano in Provincia di Grosseto. Seguono poi Arezzo con 693 ettari, Firenze con 258 ettari, Siena 220, Pisa 117, Pistoia 18 e Massa Carrara 7 ettari. 38 terreni sono al primo tentativo di vendita, quattro al quarto tentativo.Valore d’asta complessivo circa 22 milioni di euro. Ad annunciarlo è stato il direttore generale di Ismea, Maria Chiara Zaganelli nell’ambito dell’evento dal titolo “L’agricoltura è già donna. Storie, strategie ed economia circolare” promosso da Coldiretti Toscana e Donne Impresa Coldiretti che si è tenuto a Firenze. “La disponibilità fondiaria è il muro più grande per chi vuole avviare un’attività agricola, e lo è soprattutto per i molti giovani senza una storia agricola alle spalle che quotidianamente si interfacciano con le nostre strutture, su tutto il territorio regionale, alla ricerca di terreni, finanziamenti, opportunità e consigli per sviluppare i loro progetti imprenditoriali. – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana - Partire da zero, senza la disponibilità di terreno, è molto più complicato. Con il quinto bando di Ismea potrebbero nascere, nella nostra regione, 43 nuove aziende agricole”.

Per incoraggiare i giovani ad inseguire il loro sogno la Banca delle Terre, instituita con la legge n.154 del 28 luglio 2016 per agevolare proprio l’incontro tra domanda e offerta di terra, consente la possibilità di pagare il prezzo del terreno ratealmente per un periodo massimo di 30 anni. “In Toscana – spiega ancora Filippi – i giovani che hanno investito nell’agricoltura sono oggi oltre 2.700 con un trend in crescita ed in controtendenza rispetto all’andamento nazionale. Dalla Banca delle Terre ci aspettiamo una nuova ed ulteriore spinta al processo di ricambio generazionale che è già in atto nelle nostre campagne”.

Per presentare le manifestazioni di interesse per la quinta edizione della Banca delle Terre Agricole c’è tempo fino alle ore 24.00 del 5 giugno 2022. Il bando è stato aperto il 7 marzo. Dopo l’invio della manifestazione di interesse, che avviene secondo una procedura guidata step by step dall’applicativo, si può partecipare alla procedura di vendita, presentando una propria offerta economica. Per i terreni che non sono al primo tentativo di vendita è prevista la possibilità di effettuare offerte anche al ribasso, per un massimo del 25% del valore a base d’asta per i terreni al secondo e terzo tentativo e del 35% per quelli al quarto incanto. Sul sito è https://www.ismea.it/banca-delle-terre è possibile consultare le modalità di partecipazione, le caratteristiche dei terreni ed inviare le manifestazioni di interesse.

Per risparmiare acqua quali di questi accorgimenti metti in pratica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi