5 Views

11 Marzo 2008
IAP: IL PARERE DI COLDIRETTI SULLA NORMA REGIONALE

Il seminario sul tema “Lo IAP: come diventare imprenditore agricolo professionale”, organizzato da Colidretti e Iripa, è stato l’occasione per esaminare,  con l’aiuto dell’avvocato confederale Giuseppe Murgida, la  norma toscana, fresca di pubblicazione. Uscita nello scorso mese di febbraio, la legge che regola il riconoscimento della qualifica a livello regionale presenta infatti pregi e difetti che sono stati messi a fuoco anche nel corso dell’incontro. Tra le innovazioni introdotte la più importante e significativa riguarda l’attribuzione, in via provvisoria, della qualifica ai soggetti che si impegnano a conseguire i requisiti di professionalità e principalità nell’arco di due anni che dà impulso e stimolo allo sviluppo dell’attività imprenditoriale in agricoltura.. E’ considerata problematica , invece, l’estensione della qualifica a soggetti che non svolgono attività agricola ma erogano dei servizi, come le cooperative ed i consorzi forestali. Tra i punti critici della norma, Coldiretti ha evidenziato la sopravvivenza, in alcuni casi, di una impostazione che non recepisce fino in fondo le importanti innovazioni introdotte dalla riforma dell’art  2135 del codice civile: la legge regionale infatti continua a proporre una distinzione, ormai  superata ed inesistente, tra le attività tipiche dell’agricoltura (coltivazione del fondo, allevamento degli animali, selvicoltura) e le attività connesse, che oggi  sono considerate agricole a tutti gli effetti.

Quale tra questi fiori/piante regalerai a Natale?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi