54 Views

4 Agosto 2009
INCONTRO COLDIRETTI-FIDI TOSCANA

La crisi si fa sentire e morde duro anche l’agricoltura,  settore di fronte al quale si profila un autunno caldo e tutt’altro che facile.
Il delicato scenario è aggravato dai prezzi alla produzione che, complici i ricatti della grande distribuzione organizzata e delle diseconomie presenti nelle filiere,  sono in caduta libera, a fronte di prezzi al consumo in continuo e costante aumento. Inoltre a complicare il quadro si aggiunge l’assenza di norme a tutela della corretta informazione dei consumatori (ovvero l’obbligo di dichiarazione dell’origine in etichetta per tutti i prodotti agroalimentari) e della trasparenza, che finisce per penalizzare il made in Italy e le aziende che lo producono.
Terzo fattore dirompente, un sistema bancario che stenta a riaccendere il motore del credito alle imprese.
Tre questioni importanti per il futuro dell’agricoltura, denunciate con forza da Coldiretti.
Di recente, infatti, l’organizzazione agricola ha promosso una importante e decisa mobilitazione denominata non a caso operazione verità, per evidenziare gli inganni che si nascondono sugli scaffali e  che finiscono per mettere ko imprenditori e consumatori.
Sul fronte del credito, invece, per sostenere le imprese in un momento di difficoltà, ha messo in campo azioni altrettanto utili e importanti. A cominciare dall’attivazione di Creditagri, società di intermediazione creditizia, che sta cominciando a dare risposte e servizi efficaci alle realtà toscane. Intanto per fare il punto della situazione e verificare i primi risultati raggiunti con l’applicazione della norma anticrisi varata dal governo regionale lo scorso mese di marzo, il presidente Tulio Marcelli e il direttore Prisco Lucio Sorbo, insieme a una ristretta delegazione, hanno incontrato il dottor Giovanni Ricciardi, direttore di Fidi Toscana.
L’organizzazione agricola ha apprezzato gli interventi deliberati dalla finanziaria regionale a sostegno delle imprese,  che hanno già messo a disposizione garanzie per oltre 200 milioni di euro: una cifra capace di dare una boccata di ossigeno all’imprenditoria locale.
Purtroppo, al tempismo e all’efficienza dimostrati dalla Regione e da Fidi Toscana, non ha corrisposto, per ora, un altrettanto tempestivo dinamismo del sistema bancario, che ha reso disponibili solo 40 milioni di euro dei finanziamenti, già garantiti a sostegno del tessuto economico toscano.
Questa reazione rallentata desta, e non potrebbe essere altrimenti, la preoccupazione di Coldiretti che chiede agli istituti bancari di fare la loro parte e di  mantenere gli impegni assunti con i principali attori del sistema produttivo regionale.

Per quale motivo produci sprechi alimentari?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi