166 Views

29 Novembre 2022
INNOVAZIONE: COLDIRETTI SUL BANDO PSR, AGRICOLTURA CRESCE SE DIVENTA 4.0

L’agricoltura cresce, è competitività, sostenibile e si difende dalle conseguenze dei cambiamenti climatici e dagli effetti delle tensioni internazionali sui costi, se diventa 4.0. La tecnologia arriva in soccorso degli agricoltori toscani per aiutarli a produrre meglio riducendo gli sprechi e salvaguardando le risorse. La nuova frontiera è rappresentata da stazioni agrometeorologiche, impianti per l’irrigazione a goccia e sistemi innovativi per consumare meno acqua, trattori con guida automatica per lavorazioni più precise per tagliare i costi del carburante e migliorare la sicurezza del conducente, sensori, GPS, mappature satellitari, sistemi di analisi dei dati e supporto delle decisioni, APP per il controllo remoto con il cellulare per una gestione più razionale fino all’impiego di energie rinnovabili per risparmiare sulla bolletta elettrica e molto altro ancora.

Coldiretti Toscana saluta con grande soddisfazione l’annuncio da parte dell’assessorato all’agroalimentare del bando “Miglioramento della redditività e della competitività delle aziende agricole” (in attuazione della misura 4.1.1 del PSR 2014-2022) che destina oltre 8 milioni all’agricoltura di precisione”. Coldiretti aveva presentato, in sede di discussione, una serie di osservazioni per andare a modificare quei criteri di selezione di accesso al bando che penalizzavano alcuni settori. “La nostra agricoltura resta competitiva se investe sulle nuove tecnologie. Il bando regionale va nella direzione che abbiamo auspicato: far si che le risorse a disposizione siamo accessibili al maggior numero di imprese e settori. E’ una forte spinta anche alla nascita di nuove imprese giovanili. - spiega Coldiretti Toscana - La tecnologia 4.0 è una risposta anche all’emergenza climatica e agli effetti della guerra sui costi di produzione. Siamo grati al vice presidente Stefania Saccardi e agli uffici regionali per aver avvolto le nostre osservazioni”. 

La Toscana vuole restare al passo del resto del Paese dove il 60% degli agricoltori utilizza almeno una soluzione di agricoltura 4.0, il 4% rispetto al 2020, e oltre quattro su dieci ne utilizzano almeno due, in particolare software gestionali e sistemi di monitoraggio e controllo delle macchine. Il 26% delle aziende agricole prevede investimenti in questo ambito per il prossimo futuro. Ad aprire la strada all’agricoltura di precisione nella nostra regione è stato il progetto sperimentale “Go Tinia” di Coldiretti Toscana insieme ai partner del Gruppo Operativo Bonifiche Ferraresi, Università di Firenze ed azienda agricola Bemoccoli finanziato nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale. “L’impiego della tecnologia in campo - spiega Coldiretti Toscana - ha dimostrato in questo delicato momento della nostra storia, con le imprese strette tra la morsa insostenibile dei rincari dei costi di produzione e l’emergenza siccità, che si possono ridurre i costi correnti di concimi, carburanti, elettricità e al contempo evitare sprechi, preservare le risorse idriche e tutelare la fertilità dei terreni aumentando fino al 45% la redditività delle colture”. E’ questa la direzione che gli agricoltori toscani sono pronti ad imboccare. 

La domanda di aiuto deve essere presentata, a partire dal 20 gennaio ed entro le ore 13 del 6 Marzo 2023, esclusivamente mediante procedura informatizzata impiegando la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell’anagrafe regionale delle aziende agricole gestita da ARTEA, raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it.

“Le nostre imprese agricole in questo modo possono ottimizzare sforzi, ridurre consumi e sprechi, aumentare la produttività dei terreni - ha proseguito Saccardi - Anche per questo abbiamo deciso di elevare molto la percentuale di contribuzione a chi parteciperà al bando, andando oltre il consueto 40-50%.  Ci auguriamo che gli imprenditori agricoli rispondano numerosi perché è con l’innovazione che la nostra agricoltura e l’ambiente possono guardare con più fiducia alle sfide del futuro, soprattutto in termini di impatto ambientale e resilienza ai cambiamenti climatici”.

Dotazione finanziaria

La dotazione finanziaria del presente bando è pari a 8.250.000 di euro interamente finanziati attraverso le risorse messe a disposizione dallo strumento dell’Unione europea per la ripresa (EURI – European Recovery Instrument) del Next Generation UE (NGEU), istituito dall’Unione Europea nel 2020, anche con l’obiettivo di far fronte all’impatto della crisi COVID-19 e alle sue conseguenze per il settore agricolo e le zone rurali dell’Unione.

Beneficiari

Sono ammessi a presentare domanda e a beneficiare del sostegno i seguenti soggetti: imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti, anche a titolo provvisorio, nell’anagrafe regionale toscana degli imprenditori agricoli professionali (IAP) riconosciuti, anche a titolo provvisorio, da altre Regioni o Province autonome; gli equiparati all’imprenditore agricolo professionale (IAP) ai sensi dell’art. 20 della legge regionale 27 luglio 2007, n. 45 (aziende degli enti pubblici che esercitano in via esclusiva attività definite agricole dall’art. 2135 del C.C. e dalle leggi statali speciali).

Intensità del sostegno

L’intensità del sostegno è pari 75% per tutti gli investimenti, incluse le spese generali. Può salire al 90% in caso di riconoscimento di specifiche maggiorazioni.

Minimali di contributo

Non sono ammesse domande di aiuto con un contributo minimo richiesto/concesso inferiore a 15.000 euro.

Anticipo

È  possibile ricevere un anticipo fino al 50% del contributo ammesso a finanziamento a seguito della presentazione di richiesta da parte del beneficiario.  L’anticipo è erogato solo successivamente all’inizio delle attività oggetto di contributo ed a seguito di presentazione di garanzia fideiussoria rilasciata a favore di ARTEA.

Graduatoria

Le domande sono ordinate in un elenco in base ai punteggi derivanti dai criteri di selezione come dichiarati dai richiedenti. La domanda di aiuto deve aver ottenuto un punteggio di almeno 4 punti per poter entrare in graduatoria.  Il punteggio massimo attribuibile ad una singola domanda di aiuto è pari a 29 punti.

Quale tipo di pizza preferisci?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi