56 Views

6 Ottobre 2008
LA REGIONE TOSCANA NON GESTISCE LA FAUNA SELVATICA

In Toscana  la fauna selvatica continua è completamente fuori controllo e mette a ferro e fuoco l’agricoltura. Intanto la Regione discute ma non agisce. La denuncia forte e puntuale arriva da Coldiretti che, dopo aver annunciato una azione di protesta contro le istituzioni politiche regionali, diserterà anche il tavolo di consultazione chiamato a  dibattere, ancora una volta, la questione selvatici.
 
“La fauna che prolifera ben oltre i limiti devasta le colture e mette a rischio molte aziende agricole. I danni sono ingenti e non vengono risarciti.   Da anni chiediamo alla pubblica amministrazione di mettere in campo soluzioni adeguate, dai piani straordinari di controllo, per garantire la selezione e il prelievo degli animali in soprannumero, all'accelerazione delle procedure di rimborso, coordinando in maniera più efficace i diversi enti che sovrintendono alla gestione del territorio. Ma tutto questo, finora, è rimasto lettera morta”, denuncia Coldiretti.
 
“Pur partendo dall’ammissione di una politica fallimentare in materia, dimostrata dalla crescita esponenziale degli esemplari, degli assalti e dei danni”, aggiunge Coldiretti, “gli amministratori regionali continuano a non affrontare con la necessaria determinazione la questione e si barcamenano optando per deboli palliativi e lasciando  la gestione del controllo degli animali ai soliti soggetti”. Iniziative che non hanno prodotto risultati: anzi, che hanno contribuito ad aggravare il problema, secondo l’organizzazione agricola che rilancia:
“Riteniamo che la materia debba essere affrontata con un approccio diverso e deciso. Bisogna definire con chiarezza gli obiettivi, verificarne il raggiungimento, identificare il ruolo di chi deve agire, definire responsabilità e azioni sanzionatorie per il mancato raggiungimento degli obiettivi, portare in trasparenza il mercato delle carni ricavate dalla selvaggina. Per ora non viene fatto niente di tutto questo”, conclude Coldiretti, aggiungendo: “Alle aziende agricole toscane servono certezze che consentano loro il diritto di fare  impresa”.
 
 
I DATI
Le richieste di risarcimento danni per gli incidenti stradali causati da animali selvatici sono cresciuti dai 168 del 2001 ai 436 dei 2006.
Nei sette anni considerati a causa della fauna selvatica si sono verificati complessivamente  ben 1.809 incidenti stradali, il 94 per cento causato da ungulati (in particolare da cinghiali, i più numerosi, e caprioli).
Gli eventi si sono registrati in modo pressoché costante, nel corso dei dodici mesi, a dimostrazione che gli attuali sistemi di controllo della popolazione non funzionano

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi