275 Views

23 Novembre 2023
MALTEMPO: CON 57 TRA TROMBE D’ARIA E TEMPESTE DI VENTO E’ SOS ALBERI PERICOLANTI,+ 38% INTERVENTI SOCCORSO PER CADUTE

Sos alberi pericolanti a causa del forte vento. Sono 57 gli eventi estremi dall’inizio dell’anno tra trombe d’aria e tempeste di vento che hanno provocato in molte città della regione cadute di alberi e rami mettendo in pericolo la sicurezza dei cittadini soprattutto nelle aree densamente popolate. A dirlo è Coldiretti Toscana sulla base dell’analisi di ESWD (European Severe Weather Database) in uno scenario in cui si contano nelle città oltre 5 mila piante pericolanti (5.205 per la precisione) secondo il rapporto 2023 sugli interventi effettuati dai vigili del fuoco per rimuovere tronchi, tagliare rami e mettere in sicurezza gli alberi. Dal rapporto emerge il preoccupante incremento del numero degli interventi di soccorso effettuati rispetto all’anno prima (+38%) con la città di Massa che si è classificata tra le 20 province che hanno riscontrato un incremento maggiore (+69,8%).

Il tema della sicurezza pubblica, soprattutto nelle città e nelle aree densamente popolate, diventa elemento di estrema attualità alla luce degli effetti dei cambiamenti climatici che palesano una gestione del verde pubblico urbano non sempre in grado - denuncia Coldiretti Toscana – di garantire il benessere delle piante e la tranquillità dei cittadini. Le piante sferzate dal vento – evidenzia Coldiretti Toscana – cadono per la scelta di essenze sbagliate per il clima, il terreno o la posizione, ma anche per gli errori sulle dimensioni e sul rispetto delle distanze per un corretto sviluppo delle radici, sul quale pesa soprattutto la mancanza di manutenzione adeguata con potature eseguite senza la necessaria professionalità. La tropicalizzazione del clima ha favorito inoltre la proliferazione di parassiti spesso arrivati dall’estero che – continua Coldiretti Toscana – ha conseguenze catastrofiche sul verde, ma anche sulla sicurezza, con problemi di stabilità degli alberi.

Da qui l’importanza di affidarsi ad una gestione professionale del verde pubblico che preveda il ricorso alla figura del manutentore con idonea qualifica, anche attraverso la rivalutazione del ruolo degli agricoltori così come previsto dalla legge di orientamento che consente ai Comuni di delegare la manutenzione agli imprenditori agricoli ed evitare così una gestione improvvisata che mette in pericolo i cittadini. In questo senso è importante il coinvolgimento e l’esperienza delle 2.596 aziende florovivaistiche regionali e di un settore leader a livello nazionale con una fatturato di 850 milioni di euro e 12 mila dipendenti.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi