368 Views

2 Novembre 2023
MALTEMPO: NUOVA PERTURBAZIONE ED ALLERTA ARANCIONE, UN CITTADINO SU TRE VIVE IN AREE RISCHIO ALLUVIONE

La prima perturbazione di novembre con forti piogge e vento mette in apprensione un toscano su tre che vive in aree a rischio alluvioni ed allagamenti. 1,2 milioni di cittadini sono residenti in zone a pericolosità elevata e media. Pistoia ha la percentuale più alta di famiglie che abitano in aree allagabili (13,2%), Pisa è invece la provincia con la maggiore estensione di superfici (11,2%) . A dirlo è Coldiretti Toscana in riferimento alla nuova ondata di maltempo che ha fatto scattare l’allerta arancione per rischio idraulico nel nord della regione. Le precipitazioni abbondanti di queste settimane e la sequenza di eventi estremi che si sono susseguiti mettono a nudo la grande fragilità di un territorio dove il 100% dei comuni sono a rischio idrogeologico.

Il maltempo si abbatte sulle campagne dopo un ottobre caratterizzato da temperature superiori alla media e giornate più primaverili che autunnali. Una situazione inedita che ha mandato in tilt le campagne dove le raffiche di vento e pioggia hanno fatto cadere le olive ancora prima di poterle raccogliere mentre nei frutteti si teme per mele e pere che sono in piena fase di raccolta e per le produzioni di cachi e kiwi dove una grandinata può devastare il lavoro di un intero anno.

Siamo di fronte – continua Coldiretti Toscana – ad una evidente tendenza alla tropicalizzazione del clima con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal caldo al maltempo con effetti devastanti. Le conseguenze dei cambiamenti climatici si sono tradotte in una riduzione, spesso pesante, della capacità agricola toscana con un taglio molto significativo di produzioni come vino (-25%), olio (-20%), pere (-70%), susine (-30%), meloni (-50%), frumento (-10%), pomodoro (-10%) ma anche delle varietà primaverili di miele (90%), latte (-15%) e uova (-10%) ed autunnali come le castagne (-50%) che sono un pilastro delle economia di montagna ed un deterrente contro lo spopolamento e l’abbandono di borghi e paesini.

L’agricoltura è l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici, ma è anche il settore più impegnato per contrastarli – continua Coldiretti Toscana – si tratta di una nuova sfida per le imprese agricole che devono interpretare le novità segnalate dalla climatologia e gli effetti sui cicli delle colture, sulla gestione delle acque. Servono – conclude Coldiretti Toscana – investimenti anche grazie al Pnrr per la manutenzione, risparmio, recupero e regimazione delle acque, un impegno per la diffusione di sistemi di irrigazione a basso consumo, ma anche ricerca e innovazione per lo sviluppo di coltivazioni resistenti.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi