409 Views

6 Ottobre 2023
OLIO: PARTITA LA RACCOLTA DELLE OLIVE IN 36 MILA AZIENDE, IN CRESCITA LE SUPERFICI (+8%)

L’apertura dei 392 frantoi attivi in Toscana apre la campagna olivicola 2023/2024. Sono 36 mila le aziende olivicole impegnate nella raccolta delle olive in queste settimane in tutta la regione dove le condizioni climatiche sfavorevoli con tanta pioggia nel periodo dell’impollinazione ed il prolungato caldo torrido, ridurranno la produzione di olio che dovrebbe attestarsi intorno alle 12 mila tonnellate ma molto dipenderà dalle rese. Molto meglio sul fronte della qualità: la conferma arriva dalle prime spremiture che hanno già fatto intuire livelli di grandissima eccellenza del nuovo extravergine Made in Tuscany. E’ quando afferma Coldiretti Toscana sulla base dei dati di Ismea-Agea e del Consorzio di Tutela dell’Olio Extravergine Toscano IGP.

Lo scorso anno, grazie ad una buona annata, gli olivicoltori avevano portato in frantoio quasi 130 mila tonnellate di olive per una produzione complessiva di poco meno di 18 mila tonnellate di olio di oliva tra convenzionale e biologico. Numeri che sarà, visti i presupposti, difficile ripetere soprattutto a causa dello sbilanciamento tra le zone costiere dove gli olivi si presentano carichi, e le zone interne dove lo sono meno.

Sono 91 mila gli ettari di superficie ad oliveto Toscana in crescita (+8%) anche grazie al recupero di olivete abbandonate e a nuovi impianti. Cinque le DOP e IGP degli oli extravergini di oliva, registrate dall’Unione Europea, che si riferiscono a zone di produzione comprese nel territorio regionale: Toscano IGP, Chianti Classico DOP, Terre di Siena DOP, Lucca DOP, Seggiano DOP. L’olivicoltura è una delle coltivazioni più diffuse su tutto il territorio regionale. I maggiori territori a vocazione olivicola sono la provincia di Firenze con 82 frantoi ed una produzione di olio nel 2022-2023 di quasi 5 mila tonnellate seguita da Grosseto con 72 frantoi e 3.540 tonnellate, Arezzo con 41 frantoi con 2.349 tonnellate e Siena con 57 frantoi e 2.148 tonnellate.

Per quale motivo produci sprechi alimentari?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi