16 Aprile 2022
PASQUA: COLOMBA BATTE UOVA DI CIOCCOLATO, DOLCI DELLA TRADIZIONE E UOVA CONTADINE DIPINTE CON COLORI NATURALI CONTRO RINCARI

La colomba batte le uova di cioccolato e si classifica come il preferito delle feste anche se in più di quattro famiglie su 10 (41%) si preparano quest’anno in casa i dolci tipici della Pasqua, anche per effetto del caro prezzi scatenato dalla guerra in Ucraina. La colomba è presente nel 71% delle tavole, cinque punti percentuali in più rispetto all’uovo di cioccolata che non mancherà nel 66% delle case. A dirlo è un’indagine di Coldiretti / Ixè in occasione della giornata dei “Dolci della Tradizione” che si è tenuta nei mercati di Campagna Amica presenti in tutta la Toscana con iniziative speciali a Sesto Fiorentino, Firenze, Arezzo, Pistoia, Siena, Grosseto e Pisa.

Se negli acquisti pasquali in tempo di guerra si verifica dunque una preferenza per la colomba simbolo della pace, una novità – sottolinea Coldiretti Toscana – è rappresentata anche dal ritorno della cucina casalinga fai da te con la riscoperta dei dolci della tradizione come il Pan di Ramerino, il panino morbido e dolce fatto con uva sultanina (zibibbo) e rosmarino arrivato sino ai nostri giorni dal Medioevo, i ciambellini della Valdichiana sia aretina che senese, fatti di uova, zucchero, farina, burro, lievito e un goccio di vino dolce e molto semplici da preparare ed ancora i quaresimali, i simpatici biscotti a forma di lettere dell’alfabeto, tipici del periodo della Quaresima.

Dolci, ricette e segreti casalinghi per battere i rincari che sono stati protagonisti sui banchi dei produttori di Coldiretti insieme alle uova sode dipinte con i colori naturali della terra ottenuti con il vino del Chianti, il peperoncino rosso, gli spinaci o la barbabietola. Un altro modo originale e sostenibile per portare sulle tavole colore e festa che gli agricoltori di Coldiretti e Campagna Amica hanno condiviso con il sempre maggior numero di consumatori che scegli di fare la spesa direttamente ai mercati contadini.

Con la fine dell’emergenza gli italiani tornano a spendere per la Pasqua con una media di 69,2 euro a famiglia, il 25% in più rispetto allo scorso anno, attestandosi sui livelli pre-pandemia del 2019, nonostante le preoccupazioni per il conflitto in Ucraina. Si allungano le tavolate ma salgono in media di quasi il 6% anche i costi per la preparazione dei menu di Pasqua per i rincari dei prezzi che interessano tutti i principali prodotti simbolo della festa, afferma la Coldiretti. Aumenta il  tempo dedicato in cucina nella preparazione dei pasti che sale a 2 ore di media, ma fra quelli che hanno scelto di dedicarsi ai fornelli c’è – continua Coldiretti Toscana – un 29% di appassionati che ha deciso di spendere fino a tre ore di tempo ai fornelli e una quota dell’8% di maratoneti della cucina che si spingerà sulle 5 ore per portare in tavola piatti di ogni tipo. Non manca però un 6% di italiani che ricorrerà al cibo da asporto o direttamente alla consegna a domicilio.

Tra i prodotti immancabili sulle tavole pasquali, quasi quattro italiani su 10 (39%) mangeranno carne di agnello per rispettare le tradizione. Tra coloro che non rinunciano all’agnello, il 24% acquisterà quello Made in Italy e un altro 9% lo andrà addirittura a comperare direttamente dal produttore per avere la garanzia dell’origine.

Per risparmiare acqua quali di questi accorgimenti metti in pratica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi