13 Aprile 2022
PASQUA: FESTE IN FAMIGLIA PER UNO SU DUE, IN 120 MILA NEGLI AGRITURISMI PER PRANZI A KM ZERO E PICNIC ALL’APERTO

Più di uno su due (56%) trascorrerà Pasqua e Pasquetta a casa in compagnia di amici e parenti. Covid, guerra e rincari sono fattori che pesano sulla libertà di movimento dei toscani che sceglieranno un ponte di Pasqua all’insegna della prossimità. A rivelarlo sono i risultati del sondaggio online proposto da Coldiretti Toscana in vista delle festività pasquali secondo cui solo il 5% andrà all’estero. Il 3% che ha risposto al sondaggio visiterà invece una città d’arte. “Dal sondaggio emerge una chiara tendenza a voler passare questa prima Pasqua post-Covid in famiglia mentre una percentuale attorno al dieci percento punterà sulla tradizionale gita fuori porta al mare o in montagna considerata una soluzione per chi non vuole rinunciare a stare all’aria aperta senza pesare però troppo sul bilancio. – spiega Luca Serafini, Presidente Terranostra Toscana – Tra le mete più gettonate e richieste c’è sicuramente l’agriturismo che sta vivendo un inizio di stagione a due volti: molto bene quello della ristorazione a km zero con le strutture che si dirigono verso il tutto esaurito per pasqua e pasquetta, inferiore invece alle aspettative per quanto riguarda i pernottamenti con una struttura su tre con ancora disponibilità”.

ASCOLTA L'INTERVISTA A SIMONE FERRI GRAZIANI

Secondo una stima di Coldiretti saranno 120 mila coloro che pranzeranno in una delle oltre 3.500 strutture agrituristiche regionali autorizzate alla ristorazione o alle degustazioni per un fatturato che oscillerà tra 5 e 6 milioni di euro. “La ristorazione tipica, a km zero, che valorizza i prodotti del territorio e delle aziende agricole – analizza ancora Serafini – consumata in un contesto di libertà, natura e di tranquillità rappresenta il valore aggiunto della proposta dei nostri agriturismi la cui offerta in questi anni è molto cresciuta e maturata”.

Il periodo pasquale, e più in generale tutto il secondo trimestre dell’anno tra aprile, maggio e giugno, rappresentano un momento importante della stagione per gli agriturismi toscani con oltre 340 mila arrivi (dato pre-Covid) di cui quasi 200 mila di soli stranieri per un fattura complessivo di circa 20 milioni di euro. “Questo ponte pasquale – conclude Serafini – rappresenta il primo vero test della prima stagione post emergenza sanitaria che sarà ancora, in attesa dei turisti stranieri, nel segno degli italiani e del turismo di prossimità”.

Leggi l'articolo del Corriere Fiorentino

La domenica pranzi insieme ai nonni?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi