294 Views

29 Maggio 2023
SALUTE: CONTRO CATTIVA ALIMENTAZIONE LEZIONI IN FATTORIA CON I CONTADINI DI “CURIOSI PER NATURA”, COINVOLTI 20 MILA BAMBINI

Con la bella stagione al via le lezioni in fattoria tenute dai contadini-tutor per contrastare il junk food (cibo spazzatura) che causa la condizione di sovrappeso di 1 bambino su 4 e promuovere una sana, variegata ed equilibrata alimentazione partendo dai principali della stagionalità dei prodotti agricoli e dalla vita all’aria aperta. Sono oltre 20 mila i bambini delle scuole della Regione Toscana di ogni ordine e grado impegnati in queste settimane con “Curiosi per Natura”, l’innovativo progetto didattico per lo sviluppo sostenibile e l’educazione alimentare promosso da Coldiretti Toscana, Donne Impresa Coldiretti e Campagna Amica e la collaborazione dell’Ufficio Scolastico regionale che fa incontrare i contadini e gli studenti in classe ed in fattoria. Il progetto prevede lezioni in classe da parte dei contadini tutor insieme alle visite nelle aziende agricole tra animali, arnie e orti. Penne e quaderni lasciano così il posto all’esperienza diretta nelle campagne toscane.

In Toscana, secondo gli ultimi dati di Okkio alla Salute, il 25,8% dei bambini presenta un eccesso ponderale: il 6,6% è obeso, il 19,2% è sovrappeso. La diminuzione forzata dell’attività fisica e il maggior tempo passato in casa e davanti alla tv negli anni della pandemia – sottolineano Coldiretti Toscano e Donne Impresa Coldiretti – si sono aggiunti all’adozione di modelli sbagliati di consumo all’interno dei nuclei familiari con il preoccupante abbandono dei principi della Dieta mediterranea. Basti pensare che ben sei adolescenti italiani su 10 non mangiano né frutta né verdura ogni giorno, secondo l’analisi Coldiretti su dati Oms, aumentando così i rischi legati all’obesità e alle malattie ad essa collegate. Ma i bambini italiani fanno anche meno sport dei loro “colleghi” europei. Basti dire che il 95% dei bambini italiani non pratica un livello adeguato di attività fisica, che colloca l’Italia all’ultimo posto tra i Paesi Ocse, secondo dati Oms. Non a caso circa il 70% dei piccoli italiani passano almeno due ore al giorno guardando la tv o tablet, pc e cellulari, secondi solo dietro San Marino.

Per facilitare la partecipazione delle scuole dell’infanzia e delle primarie Coldiretti ha creato appositamente quattro cartoni animati sulle filiere del latte, dell’olio, del miele e dei cereali che sono stati messi a disposizione delle scuole tramite una piattaforma dedicata. Il percorso formativo è corredato inoltre dall’opuscolo “Curiosi per natura” edito da Campagna Amica, schede tematiche, libricini da leggere e colorare per favorire la conoscenza e valutare il grado di attenzione, ricette da preparare anche a casa in famiglia e teste di apprendimento. Per le scuole secondarie di primo e secondo grado il progetto prevede invece incontri su tematiche di grande attualità come il cibo sintetico, l’etichettatura e la tracciabilità, le agromafie ed il lavoro irregolare.

Le dichiarazioni

“La grande innovazione di Curiosi per Natura è la multicanalità che impieghiamo per raggiungere gli obiettivi che insieme all’ufficio scolastico regionale ci siamo dati: contrastare le cattive abitudini alimentari che danneggiano la salute dei nostri bambini e ragazzi partendo dai prodotti agricoli di stagione e di filiera corta, dal rispetto per l’ambiente e dall’importanza di salvaguardare la biodiversità.– spiega Elena Bertini, Delegata Donne Impresa Coldiretti Toscana – Un bambino su due non ha mai visto una mucca da vicino e questo è significativo della distanza che le nuove generazioni hanno nei confronti di ciò che mangiamo. Sapere, vedere e toccare sono elementi fondamentali per far comprendere il legame importantissimo tra alimentazione e salute. Questo progetto ci ha permesso di portare la campagna nelle scuole della nostra regione con un approccio nuovo, più moderno, incisivo. – spiega Elena Bertini, Delegata Donne Impresa Coldiretti Toscana – Il prossimo grande passo è valorizzare e garantire nelle mense scolastiche i prodotti del territorio a chilometro zero premiando le filiere italiane ed il legame con il territorio”.

"Le risposte ottenute da questo progetto lanciato lo scorso anno – ha detto la vicepresidente Stefania Saccardi - che avvicina le giovani generazioni a concetti come la biodiversità, il consumo consapevole, l'educazione alimentare, il rispetto per l'ambiente, ci hanno mostrato la validità dell’idea. Partire dai piccolissimi e, ovviamente, dalla scuola, è un passaggio ineludibile di ogni processo educativo. Per questo il coinvolgimento di così tanti alunni delle scuole con una comunicazione accattivante e tante iniziative sul campo, è stato ed è vincente. I ragazzi, che sono appunto curiosi per natura, rispondono al meglio dando il loro contributo ad un cambiamento di mentalità e stili di vita che oggi non solo è auspicabile, ma necessario per migliorare la qualità della vita di tutti e dare un futuro al pianeta".

“Questo progetto ha raccolto una sfida centrale del nostro tempo – ha affermato l’assessora all’istruzione della Regione Toscana, Alessandra Nardini - perché l’educazione delle studentesse e degli studenti alla sostenibilità rappresenta un contributo fondamentale per dare forza alla transizione verso nuovo modelli di sviluppo che siano rispettosi del nostro pianeta. Il progetto ha imboccato una strada giusta che unisce e trasmette il rispetto per l’ambiente, l’educazione a corretti stili di vita e a una alimentazione sana e l’attenzione verso i nostri territori, la loro ricchezza e biodiversità”.

“Le politiche a supporto dell’autonomia scolastica sostenute dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana- spiega il Prof. Roberto Curtolo, Dirigente dell’Ufficio III di USRT – oggi più di sempre, vanno nella direzione di promozione di una sana alimentazione e della salute in generale nel contesto scolastico che si sostanzia attraverso l’insieme delle azioni e delle attività intraprese per migliorare e proteggere il benessere di tutta la comunità scolastica. La promozione di una sana alimentazione comprende le politiche per una scuola sana, la tutela dell’ambiente fisico e sociale, i legami con la comunità e la società civile. L’accordo siglato con Coldiretti Toscana nel 2022 nasce proprio dalla collaborazione fra il mondo della scuola, il mondo della ricerca e stakeholders, come Coldiretti riconosciuta tra i  partner più opportuni che da anni rappresenta una grande risorsa sul nostro territorio per  favorire la diffusione di un approccio scolastico globale, secondo cui la scuola esercita la titolarità della promozione della corretta alimentazione nel proprio contesto e dove la salute non rappresenta un contenuto tematico, ma è parte integrante dell’attività didattica quotidiana. E’ storica la convinzione come USRT – sottolinea il dr Curtolo- secondo cui una sana alimentazione e l’educazione sono interconnesse: promuovendo una sana alimentazione e dunque la salute nella propria scuola, è possibile sia raggiungere obiettivi educativi, sociali e professionali sia favorire la salute dell’intera comunità scolastica. Una Scuola che promuove una sana alimentazione - in linea con le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità nonché con il Protocollo d’intesa siglato a Bari il 29 aprile u.s. tra il Ministro dell’Istruzione e del Merito e la Confederazione Nazionale Coldiretti - orienta quindi l’organizzazione della comunità scolastica nel suo insieme, non solo i curricola, verso la promozione di stili di vita sani, contribuendo a creare un contesto favorevole affinché gli studenti sviluppino conoscenze, competenze e abitudini necessarie per vivere in modo salutare anche in età adulta”.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi