342 Views

10 Novembre 2023
TURISMO: DAL WTM DI LONDRA AD AGRI@TOUR, SETTORE AGRITURISMI REGIONALI VALE UN QUARTO OFFERTA NAZIONALE

Toscana regina del turismo rurale grazie a 5.600 agriturismi che garantiscono complessivamente un quarto dell’offerta nazionale. Un settore capace, nel 2022, di sfiorare le 5 milioni di presenze. Mai così tante. Un boom favorito dall’applicazione intelligente da parte delle aziende agricole della legge sulla multifunzionalità voluta da Coldiretti. Il 69,2% delle aziende agricole con attività connesse conduce infatti un’attività agrituristica, quasi il 20% in più dal 2010 secondo l’ultimo censimento Istat, favorendo così l’esplosione progressiva del turismo rurale, sostenibile, all’aria aperta, nelle nostre campagne, borghi, paesi e località più remote. A dirlo è Terranostra Toscana, l’associazione degli agriturismi di Coldiretti, in occasione della 21° edizione di Agri@Tour che si è aperta ad Arezzo Fiere e Congressi in programma fino a domenica 12 novembre 2023.

Una presenza, quella di Terranostra ad Agri@Tour, che si inserisce in una più ampia programmazione di promozione del comparto e che arriva a pochi giorni dalla positiva trasferta al World Travel Market di Londra dove la delegazione dell’associazione, rappresentata per la Toscana dalla segretaria regionale, Lara Peverini e dalla cuoca contadina, Francesca Buonagurelli, ha presentato l’offerta del settore agli operatori turistici e tour operator di tutto il mondo.

Tra le iniziative promosse da Terranostra ad Agri@Tour lo shoowcooking con la cuoca contadina, Veronica Massa con le ricette della cucina povera come la Pappa al Pomodoro, il Pan Cristiano ed il Dolce Pane. “Il nostro settore è a tutti gli effetti un fattore sempre più determinante per la crescita del sistema turismo in Toscana e in Italia. – spiega Marco Masala, Presidente Terranostra Toscana – Lo dicono i numeri, non solo in termini di strutture e posti letto, lo dicono soprattutto le presenze. La nostra tipologia ricettiva è sempre più ricercata, soprattutto dai turisti stranieri, che vogliono vivere esperienze vere, rustiche, genuine senza però rinunciare ai servizi e ai comfort che le nostre strutture oggi sono in grado di garantire insieme al buon cibo che è un volano straordinario del turismo rurale. E non solo. C’è bisogno di fare sistema tra gli attori del comparto perché la competitività del turismo nazionale dipende anche dalla nostra capacità di integrare la domanda e la moltitudine di esperienze che solo il nostro Paese può offrire”.

 

 

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi