5 Marzo 2022
UCRAINA: LA SPESA SOSPESA NEI MERCATI CONTADINI FA PIENO AIUTI E SOLIDARIETA’, PASTA, LEGUMI E CARNE PER ASSEDIATI E PROFUGHI (GUARDA LA GALLERIA)

Gli agricoltori ed i consumatori toscani vanno in soccorso della popolazione ucraina sotto attacco. La spesa sospesa nei mercati contadini di Campagna Amica fa il pieno di aiuti e solidarietà. Per tutta la mattina nei punti allestiti nei mercati di Arezzo, Bibbiena,  Pisa, Livorno, Siena, Grosseto e Pistoia i clienti hanno acquistato olio extravergine d’oliva, pasta, passata di pomodoro, legumi, prodotti da forno, farina, zucchero, formaggi, salumi e carne in scatola da inviare ai civili del martoriato paese dove iniziano a scarseggiare le scorte alimentari o da donare alle decine migliaia di profughi che stanno arrivando in Italia. In poche ore sono stati raccolti oltre 15 quintali di generi alimentari.

“La risposta dei consumatori toscani è stata ancora una volta ammirevole. – commenta il Presidnte di Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi – Con questa iniziativa abbiamo voluto dare ai toscani che frequentano i nostri mercati l’opportunità di partecipare direttamente insieme agli agricoltori a questa azione collettiva di solidarietà per alleviare le sofferenze di un intero popolo. Di fronte ad una situazione senza precedenti si tratta di uno sforzo corale che dimostra la capacità degli italiani di unirsi e mobilitare risorse per sostenere un intero Paese in difficoltà”.

La Spesa sospesa riprende – spiega Coldiretti Toscana - il modello dell’usanza campana del “caffè sospeso”, quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo. In questo caso si tratta di frutta, verdura, formaggi, salumi e ogni tipo di genere alimentare Made in Italy, di altissima qualità e a km zero. Iniziativa analoga era stata già organizzata durante la pandemia per aiutare le famiglie in difficoltà. Un’azione di solidarietà di Coldiretti e Campagna Amica che scatta – spiega Coldiretti – con  i negoziati tra Ucraina e Russia sulla possibilità di corridoi umanitari per l'evacuazione dei civili, garantiti da un cessate il fuoco temporaneo nelle aree interessate, con la possibilità di consegna di cibo e medicine alla popolazione, ma anche sula scorta degli appelli, come quello del direttore generale dell'Unicef Catherine Russell, per una sospensione delle azioni militari in corso per permettere agli aiuti umanitari di raggiungere le persone rimaste isolate dopo giorni di intensi attacchi aerei e feroci combattimenti a terra in tutta la nazione.

 

Quale è la tua principale preoccupazione in questo momento?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi