348 Views

4 Aprile 2023
VINITALY: ACCORDO VIGNETO TOSCANA – IBE-CNR, VIGNETO LABORATORIO PER TUTTA AGRICOLTURA

Il vigneto toscano “laboratorio” per la ricerca scientifica e la sostenibilità dell’agricoltura toscana nel percorso di adattamento e mitigazione ai cambiamenti climatici. Sono le vigne, che si estendono su quasi 60 mila ettari e sono presenti in tutti gli habitatregionali, le testimonial scientifiche dell’accordo siglato al Vinitay tra Vigneto Toscana, l’associazione dei viticoltori di Coldiretti Toscana, nata nel 2021 ed il Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per la BioEconomia (IBE-CNR). Coldiretti Toscana e IBE-CNR, che già collaborano ad un altro importante progetto sui benefici delle piante da interno negli ambienti scolastici i cui risultati saranno presentati nelle prossime settimane, fanno un nuovo passo in avanti insieme. A suggellare la firma della convenzione di ricerca, a Casa Coldiretti, nello spazio Cangrande, di fronte ad una sala tutta piena, è stata la vice presidente ed assessora all’agroalimentare della Regione Toscana, Stefania Saccardi. La presentazione è stata coordinata dal Direttore di Coldiretti Toscana, Angelo Corsetti.

“Non possiamo più prescindere da una attenta e scrupolosa gestione delle risorse e degli input produttivi sia in termini ambientali che di costi. L’agricoltura deve adattarsi e deve farlo rapidamente per restare competitiva e continuare a garantire la produzione di cibo e vino.  – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana - Con questo accordo, che sigliamo nel contesto della più importante fiera internazionale del vino, gettiamo le fondamenta per un’agricoltura, e nello specifico una viticoltura, più sostenibile che deve prepararsi a far fronte alle conseguenze di lunghi e sempre più frequenti periodi senza precipitazioni e sfasamenti stagionali. Dal campo alla tavola e dalla vigna al bicchiere la sostanza non cambia. Vogliamo dare gli strumenti alle imprese per adeguarsi ai nuovi scenari”.

La siccità ed i cambiamenti climatici che stimolano inoltre le condizioni favorevoli allo svilupparsi di malattie e al proliferare di insetti dannosi per le viti e l’uva minacciano il primato di qualità del vino Made in Tuscany che può vantare 58 indicazioni geografiche riconosciute, di cui 52 DOP (11 DOCG e 41 DOC) e 6 IGT che presidiano la quasi totalità della superficie vitata toscana (96,4%) rispetto alla pur elevata media nazionale (63%) con il settore che garantisce il 21% della produzione agricola regionale per un valore di 485 milioni di euro ed esportazioni per 1,2 miliardi di euro. Lo scorso anno l’assenza per lunghi mesi di precipitazioni unita al caldo record aveva causato danni per 260 milioni di euro alle imprese agricole e bruciato il 10% dei prodotti agricoli. “Per restare ai vertici mondiali della qualità il nostro settore deve investire nella ricerca applicata, in innovazione e sostenibilità. – spiega Letizia Cesani, vice presidente di Vigneto Toscana - Sviluppo, crescita, approfondimento, consapevolezza: sono già le parole chiave del nostro presente”.

La mission della convenzione è attivare forme di collaborazione che si traducano in iniziative e progetti in ambiti di comune interesse relativi ad azioni di promozione e sviluppo atte a valorizzare il patrimonio vitivinicolo locale del territorio, fruendo reciprocamente delle rispettive conoscenze, competenze, strutture e strumentazioni. “Il lavoro di ricerca non è mai concluso fino a che non arriva sul territorio. Il primo impegno sarà informare e trasferire quanto di ricerca è stato fatto dal CNR-IBE con un’azione di divulgazione e successivamente lavorare per trovare e fornire soluzioni di resilienza per le imprese del settore con nuovi progetti. – spiega Giorgio Matteucci, Direttore IBE-CNR - Come? Per esempio applicando la viticoltura di precisione nei vigneti per far si che l’uso delle risorse, come l’acqua, sia sempre più efficiente ma anche attraverso l’impiego di pratiche agronomiche che tengano in considerazione l’impiego del biochar, come input per migliorare lo stock di carbonio, il rilascio di nutrienti che le condizioni idriche del suolo. Ed ancora riducendo al minimo l’utilizzo dei mezzi meccanici nelle lavorazioni in vigna e incentivando l’utilizzo di soluzioni naturali contro gli infestanti”.

Soddisfatta per la nuova collaborazione la vice presidente ed assessore all’agroalimentare, Stefania Saccardi: “La scelta di Coldiretti di investire in innovazione e sperimentazione è davvero la scelta di chi vuole rispondere in maniera appropriata alle sfide del futuro. IBE-CNR è un interlocutore di grande valore. Ci sono tutti i presupposti per costruire una prospettiva nuova partendo dalla ricerca e dalla tecnologia. Il numero di domande al primo bando per l’agricoltura di precisione, oltre 800, è significativo del bisogno di sostenibilità ecologica ed economica del settore. La strada è quella giusta”.

Per quale motivo produci sprechi alimentari?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi