140 Views

18 Marzo 2024
VINO: MILIONI DI ETICHETTE FUORI LEGGE, PIU’ TEMPO PER SMALTIRLE

“Salve” milioni di etichette del vino già stampate stoccate nei magazzini di 12 mila aziende vitivinicole della Toscana che hanno rischiato di finire al macero per via della nuova normativa europea. A renderlo noto sono Coldiretti Toscana e Vigneto Toscana dopo l’ufficialità della proroga da parte del Ministero dell’Agricoltura e della sovranità alimentare che ha fissato al 30 giugno il termine per utilizzare le etichette già stampate e non in linea con la nuova normativa europea.

Secondo la normativa Ue, infatti, la nuova etichetta in cui indicare, tra l’altro, la lista degli ingredienti e la dichiarazione nutrizionale, doveva entrare in vigore l’8 dicembre dello scorso anno. Successivamente – spiegano Coldiretti Toscana e Vigneto Toscana - era stato fissato all’8 marzo il termine ultimo per usufruire della deroga per l’etichettatura e la commercializzazione dei vini e dei prodotti vitivinicoli aromatizzati etichettati con etichette riportanti il simbolo ISO 2760 “i” accanto al QR code che rimanda alle informazioni relative alla lista degli ingredienti e alla dichiarazione nutrizionale. Il Ministero ha ritenuto di allungare i tempi per lo smaltimento delle  vecchie etichette già in magazzino  e consentire quindi di “ etichettare i vini ed i prodotti vitivinicoli aromatizzati con etichette riportanti il simbolo ISO 2760 “i” accanto al QR code che rimanda alle informazioni relative alla lista degli ingredienti ed alla dichiarazione nutrizionale fino al 30 giugno 2024 e solo per il vino e i prodotti vitivinicoli aromatizzati circolanti sul territorio nazionale”. Le etichette rimanenti possono essere utilizzate, ma devono essere corrette con un adesivo che riporti il termine “ingredienti” accanto al simbolo “i” o ogni altra indicazione ritenuta utile.

Soddisfazione è stata espressa Coldiretti Toscana e Vigneto Toscana per la proroga a livello nazionale che però sottolineato come ora sia fondamentale uniformare gli standard a livello europeo, adottando la regola che per l’inserimento delle informazioni relative a ingredienti e valori nutrizionali si utilizzi un codice QR accompagnato dalla sola lettera “I”.

Il problema era nato perché a poche settimane dall’entrata in vigore dal nuovo regolamento la Commissione aveva deciso di inserire il termine completo “ingredienti”, invece di “I”, condannando di fatto al macero tutte le etichette già stampate dai produttori che si erano organizzati per tempo.

Una decisione che avrebbe ulteriormente appesantito i costi delle aziende vitivinicole toscane già penalizzate dall’impennata dei costi che ne mettono a rischio la competitività sui mercati.

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi