94 Views

19 Novembre 2009
VINO: NUOVO DISCIPLINARE PER IGT TOSCANO

Il vino ad indicazione geografica tipica “Toscano”, che con i sui 600.000 ettolitri rappresenta una delle IGT più importanti a livello nazionale, ha un nuovo disciplinare. Tra le novità, vini passiti e frizzanti. Difatti il disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «Toscana» o «Toscano», approvato con decreto ministeriale 18 novembre 1995 e successive modifiche, è sostituito per intero dal testo approvato dal Decreto del 4 novembre 2009 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 18 novembre 2009.
Coldiretti Toscana sottolinea come i tempi rallentati di adozione del nuovo disciplinare non hanno consentito di utilizzare le nuove opportunità, come sperato, già dalla vendemmia di questo anno.
I soggetti che intendono rivendicare, a partire già dalla vendemmia 2010, i vini ad indicazione geografica tipica «Toscana» o «Toscano» provenienti da vigneti non ancora iscritti, sono tenuti  ad  effettuare la denuncia dei rispettivi terreni vitati ai fini dell'iscrizione dei medesimi all'apposito elenco delle vigne della indicazione geografica tipica «Toscana» o «Toscano».
L'indicazione geografica tipica «Toscano» o «Toscana» è riservata ai vini:

  • bianchi, anche nelle tipologie frizzante e abboccato;
  • rossi, anche nelle tipologie novello e abboccato;
  • rosati, anche nella tipologia abboccato e frizzante;
  • vino da uve appassite (passito) e vino da uve stramature (vendemmia tardiva).

La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini IGT «Toscano» o  «Toscana»  comprende l'intero territorio amministrativo delle province di: Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Prato, Siena.
La vinificazione delle uve destinate alla produzione di questi vini deve avvenire all'interno del territorio della regione Toscana, anche se è consentito che tali operazioni possano effettuarsi anche nell'ambito del territorio dei comuni confinanti.
I vini ad indicazione geografica tipica «Toscano» o «Toscana», all'atto della immissione al  consumo devono avere un titolo alcolometrico volumico effettivo non inferiore a:

  • per le tipologie rosso, rosso novello e rosso abboccato, rosato, rosato frizzante e rosato abboccato 11,00% vol;
  • per  le  tipologie  bianco,  bianco  frizzante e bianco abboccato 10,00% vol;
  • per la tipologia da uve appassite 9,00% vol;
  • per la tipologia da uve stramature 12,00% vol .

All'indicazione geografica tipica «Toscano» o «Toscana» è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste disciplinare di produzione, compresi  gli aggettivi extra,  fine, scelto, selezionato, superiore e similari. E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.

SCARICA IL NUOVO DISCIPLINARE

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi