176 Views

24 Aprile 2024
RUSSIA: SUPER DAZIO 200% SU VINO SPAVENTA VITICOLTORI TOSCANI

I rumors su un aumento a partire da maggio di dieci volte del dazio sull’importazione di vino dai paesi della Nato spaventano i viticoltori toscani. A chiedere all’autorità di Mosca di portare il dazio al 200% è stata l’Associazione dei viticoltori e dei produttori di vino russi (Avvr) dopo che l’Unione Europea ha deciso di introdurre una tariffa di 95 euro la tonnellata sui cereali provenienti dalla Russia e dalla Bielorussia. Il mercato russo è, per molte aziende vitivinicole e cooperative della Toscana, un mercato strategico che,  nonostante le sanzioni legate alla guerra in Ucraina e alle tensioni internazionali, ha tutto sommato retto registrando una flessione del -2,5% nel 2023 a fronte di una riduzione complessiva dell’export del 10% per il Made in Tuscany a tavola.

A dirlo è Coldiretti Toscana secondo cui la scelta di Mosca, se adottata, rischierebbe praticamente di azzerare le vendite di vino italiano in Russia dove, secondo l’analisi dell’Osservatorio Strategico della Coldiretti, Lettonia, Lituania e Italia sono nell’ordine i maggiori esportatori e rappresentano insieme ben l’87% delle esportazioni dei Paesi Nato. “Il super dazio, che di fatto agirebbe come una sorta di embargo, penalizzerebbe soprattutto i vini di largo consumo rendendo di fatto impossibile, per un consumatore medio, poter acquistarli. Il loro prezzo, sullo scaffale, li renderebbe inaccessibili. Diverso è il riflesso per i vini di fascia alta, i super tuscany, che hanno prezzi e clienti alto spendenti che non si lasceranno certo intimidire da questi aumenti. – spiega Letizia Cesani, Presidente Coldiretti Toscana – Questo scenario contribuisce a creare grande instabilità frenando le esportazioni del nostro agroalimentare verso quel paese. Le imprese che operano stabilmente nel mercato russo sono spaesate di fronte a questa prospettiva perché significherebbe cancellare gli investimenti ed il lavoro di molti anni”.

Il vino è il prodotto che ha più appeal all’estero, ed il mercato russo non è certo da meno. Lo dimostrano i dati sulle esportazioni: il vino, da solo, vale quasi il 30% di tutto l’agroalimentare. Il vino è – prosegue Coldiretti Toscana - praticamente dell’unico prodotto agroalimentare nazionale sul quale non pesa l’embargo all’importazione di prodotti agricoli occidentali (con il divieto all’ingresso a frutta e verdura, formaggi, carne e salumi, ma anche di pesce italiani) introdotto dal Paese di Putin con il decreto n. 778 del 7 agosto 2014, e poi prorogato più volte, come ritorsione alle sanzioni dell’Unione Europea per l’annessione illegale della Crimea da parte russa. A pesare sul mercato russo è stato – conclude Coldiretti Toscana - il dazio sulle importazioni dai Paesi “non amici”, tra cui l’Italia, che è stato innalzato la scorsa estate 2023 dal 12,5% al 20% contribuendo alla flessione delle esportazioni.

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi